GIUGLIANO, CHE GRANDE!

campionato mondiale superbike SBK 2015 gran premio gp d' italiaA volte non serve vincere per compiere un’impresa e non vorrei che il miracolo compiuto da Davide Giugliano a Imola passasse via veloce coi festeggiamenti del terzo posto, all’ombra di un supersonico Rea, dominatore di entrambe le manches. Era dal mese di febbraio che il pilota romano non metteva il sedere sulla Panigale, l’infortunio alle due vertebre lombari rimediato in Australia è sicuramente stato un importante campanello d’allarme per un ragazzo come lui, che ha sempre guidato più col cuore che con la testa. Mi ha sempre ricordato gente come Baldassarre Monti e Giancarlo Falappa, per dirlo all’italiana, anche se il numero 34 portato dalla sua Ducati onora il texano Kevin Shwantz, un altro “matto” tutto cuore e talento.

Davide saliva venerdì per la prima volta in moto, in una pista impressionante per le sue difficoltà tecniche e la fatica fisica richiesta. Era già là in prima linea, come se tutto fosse la cosa più naturale di questo mondo, e al sabato infilava pure la Superpole, “asfaltando” gli avversari con il peso di un rullo in ghisa. Vederlo guidare da vicino, da bordo pista, è stato uno spettacolo: danzava nella variante con la leggerezza di una libellula, si muoveva sulla Ducati con una veloce delicatezza come se stesse guidando una piccola e leggera 250. La Panigale è la sua moto, e il suo stile si sta cucendo sempre più su di lei. Eppure Giugliano non era in forma, quando si spogliava da casco e tuta appariva la realtà, che lasciava spazio a un fisico debilitato e poco allenato, a un volto pallido e a un’espressione tutt’altro che vivace.

Il miracolo l’ha fatto in entrambe le gare, concludendole prima di tutto e combattendo contro sé stesso, per la fatica e i dolori, prima ancora che con gli avversari. Stavolta ha saputo “accontentarsi”, senza mai eccedere nella guida. Resta da chiedersi se effettivamente sia scattato qualcosa nella sua testa che lo porterà definitivamente ad accettare la sconfitta in modo sereno, o se invece la sofferenza fisica era tale da costringerlo a sacrificare il suo istinto insaziabile di vittoria. Per diventare campioni bisogna saper perdere e accontentarsi, se la fatica di questi mesi, di stop forzato, hanno avuto l’effetto benefico sulla mentalità di Giugliano, allora avrà superato la sua barriera più grande che lo separa dai numeri uno. A Imola l’ha dimostrato e anche per questo è stato fenomenale.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Email this to someonePrint this page

9 risposte a “GIUGLIANO, CHE GRANDE!

  1. @sandor23 – Davide pronto per la vittoria ? Credo di sì. La moto c’è, anche se forse non è ancora competitiva in tutti i circuiti. Penso però a Portimao e Misano… Se ce l’ha fatta Chaz Davies a portarsi a casa un “1”, sono convinto che possa farcela anche Giugliano, che di talento naturale ne ha anche di più. Il suo problema non è andare forte, ma “chiudere il gas” nel momento opportuno. Vediamo a Donington la prossima settimana con quale mentalità si presenta.

  2. grazie max ora mi ricordo vedendoti in tv complice il tempo che con te e stato clemente, andavo a seguire un mio amico Samuele buon anima io avevo 20 anni all’epoca mi ricordo che andavate tt di brutto, li mi appassionai e comprai poco dopo il mio primo 600 ss!!

  3. Ciao Max, quello che dici su Davide G. riferito per il grande rientro ad Imola(correre con cuore,passine..etc) hai ragione e concordo…(il pilota personalmente non mi ha mai entusiasmato) ma ora deve dimostrare molto di più…di essere all’altezza per diventare un campione…. ormai qst non vincerà il titolo….ma se non lo vincerà il prossimo anno con una moto ufficiale DUCATI…c’è poco da elogiare…a questo punto Chili ha fatto e dato molto di più…x la sbk targata italia (Max Biaggi a parte che è il primo italiano a vincera qst titolo)

  4. Concordo con Max, siglare la pole e concludere due gare cosi dopo tutto sto tempo e un impresa davvero grandiosa…speriamo riesca finalmente ad emergere, e aggiungersi al gruppo dei piloti vincenti. E speriamo che segua le orme dei sopra citati piloti, o dei vari Bayliss, Fogarty, gente che alle numerose vittorie ha spesso unito altrettante picchiate sull asfalto!! Non mi auguro invece per Davide una carriera simie a quella del piu grande cascatore del motociclismo moderno, il mitico Ruben Xaus!!! L unico che io ricordi a cadere in staccata durante il giro di allineamento!!! Un grande!!!

  5. Ciao Max, sono completamente d’accordo con te, Davide ha fatto un’impresa, e solo lo strapotere Kawasaki gli ha tolto soddisfazioni ancora maggiori. Credi che possa essere maturo per una vittoria? Grazie della risposta e complimenti sia per gli interventi durante la sbk sia per per le telecronaca della stk 1000..ci hai fatto divertire!
    a presto

  6. @juanito81 – ciao! Nel 2003 e nel 2006 ho partecipato al campionato naked, come dici tu. In entrambi i casi, su Aprilia Tuono 1000. Che bomba…

    @meteor02 – Ciao! Nell’articolo di Sykes ho riportato ciò che gli è accaduto negli anni, trovando compagni di squadra forti come quest’anno. Al di là del titolo “violento”, il contenuto è assolutamente analitico e c’è poco di personale. Riguardo l’articolo su Giugliano…anche in questo caso il titolo lo esalta, ma l’articolo si riferisce alla prestazione di Imola e soltanto Imola. Mi sembrano due analisi piuttosto distinte, per tempi, criteri di valutazione, parametri. Non basta confrontare due titoli per sostenere ciò che tu intendi!

  7. mmmmm sykes non è un campione con 22 vittorie e 1 mondiale e 2 sfiorati e persi grazie a giochi di scuderie, giuliano 0 vittorie in carriera 7 podi innumerevoli cadute ed è un GRANDE?
    max o 6 stato troppo severo con l’inglese o un po troppo nazionalista con davide.

  8. ciao max non c.entra nulla lo so ma una curiosita…tu guidavi la aprilia nuda nella twin anni fa?facevi il trofeo vero?

  9. onestamente sn rimasto impressionato da lui e da tony cairoli, non ho mai avuto il piacere di guidare imola ma chiunque abbia girato un minimo in pista sa quanto possa essere faticoso, figuriamoci guidare al limite col caldo di ieri una sbk e stare pure tra i primi,speriamo sia solo l’inizio!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *