STONER IS BACK !

PIEGAIn casa Nolan, all’appuntamento con la stampa, si è presentato con oltre 2 ore di ritardo. Qualche giornalista ha pensato al “solito” Stoner, quello che gli incontri pubblici li digerisce storti. Casey si è scusato per averci fatto aspettare, arrivava dal Veneto, trovando traffico. Non ha detto però che aveva forato una gomma della sua Lamborghini, è stato un signore. La sala era gremita, circa una cinquantina di giornalisti. Ho avuto la fortuna, e la possibilità, di stare con lui il resto della giornata. Mica per rompergli le scatole, assolutamente, anche perché il mio inglese è quello delle scuole medie. Però volevo osservarlo, vederlo da vicino nella sua routine ordinaria, per capire chi è il nuovo Stoner che vuole tornare a correre la 8 ore di Suzuka. E mi sono sorpreso.

Quasi cinquanta giornalisti a cui ha concesso l’intervista one to one. Evento unico. I piloti si offrono alle televisioni singolarmente, ma per gli altri, carta stampata, web e radio, le dichiarazioni sono uguali per tutti. Lui si è invece dedicato a ciascuno con la massima disponibilità. I dipendenti della Nolan lo rivedevano dopo il titolo con Ducati del 2007. L’hanno accolto con calore, e con lo stesso affetto ha firmato autografi e si è fatto fotografare. Ha pranzato che erano le 2 inoltrate del pomeriggio, per mezz’oretta si è appartato con la famiglia. Poi via, verso la lunga sessione di photo shooting. In programma vi erano dieci modelli diversi di caschi, al quale abbinava ogni volta l’abbigliamento casual. Cose noiose. Anche lì, ogni volta, buona la prima: bel sorriso stampato, bocca cucita e profonda dedizione al lavoro dei fotografi. Al saluto finale, lasciando l’azienda, abbracci e sorrisi a tutti.

Quello Stoner è irriconoscibile, è il più bel Casey che abbia mai visto: maturato, sereno, equilibrato. Certo, l’ambiente aiuta, perché lui in Nolan è trattato da amico, Alberto Vergani (presidente Nolan, ndr) è stata l’unica persona che al termine della sua carriera ringraziò pubblicamente. L’unica. Ora Casey torna alla 8 ore di Suzuka, ma un pilota, se ha i pruriti alle mani, molla secco il letargo. Sono convinto che questa gara rappresenti l’inizio di un nuovo percorso. Ho parlato con un suo tecnico, che dice: “In pista fa ancora paura. Con 2-3 sessioni di test può tornare veloce come prima. Mi riferisco alla MotoGP, perche a Suzuka, con la Superbike, che è meno impegnativa, vincerà facile”. Un pilota non torna per caso. Se mi guardo attorno, o penso anche a me stesso, conosco tanti ex piloti “normali” che vorrebbero tornare a correre anche a quarant’anni. Il problema sono solo i costi e la paura di farsi male, perché poi chi tira avanti la baracca…

Casey, che di anni ne ha solo 30, questi problemi non ce li ha: lui è un campione e la sua vita è per certi versi un luna park. Vuole correre ? Eccogli la moto ! Voleva farlo con la Honda MotoGP per sostituire Pedrosa, ma non l’hanno lasciato. Volete la mia versione ? Mediaticamente (e forse anche sportivamente, chissà) avrebbe fatto ombra a Marquez, che non ha certo bisogno di agitarsi. Il motore della RCV di quest’anno me l’hanno descritto potente e brutale, al punto da togliere il consueto equilibrio alla Honda. Intanto Ducati si è fatta avanti, lo vorrebbe con sé. Con Casey il problema non è l’offerta economica (al momento del ritiro rifiutò un ingaggio di 24 milioni di euro per due anni, ndr), ma quanto lo si fa star bene. Lo vedremo venerdì a Misano per la Superbike, al box Aruba-Ducati, perché lì c’è il suo amico Chaz Davies. Se poi il futuro per lui sia meglio in Honda piuttosto che a Panigale, questo vorrei saperlo da voi.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Email this to someonePrint this page

37 risposte a “STONER IS BACK !

  1. Gentilissimo Max….
    Male che vada facciamo le nostre solite 4 chiacchiere…;-)

  2. @micky_27 – Ciao! Che venga il venerdì l’ha detto lui stesso, quindi tendo a credergli. Nel dubbio conviene fare una capatina a Misano 😉

  3. @carlomuntoni – Ciao ! Non ho dubbi: mi piacerebbe rivederlo in Ducati, per più motivi. Intanto perchè Ducati ha raccolto talmente poco con gli altri piloti, che sarei curioso di capire se Stoner ha davvero qualcosa in più in termini di adattabilità e versatilità per cui anche oggi possa dimostrarsi competitivo a distanza di 8 anni dal suo primo titolo. E poi metterebbe eventualmente fine al dubbio di quel trionfo, nel 2007, in cui effettivamente poteva contare su un motore bombardiere e gomme tecnicamente più efficaci, specie su alcune piste. Di tutto ciò sono abbastanza certo, ma come sempre, sono i risultati che devono parlare. Andasse in Honda invece sarebbe tutto più scontato…

  4. Ciao Max,
    a me piacerebbe rivederlo in rosso, non so se sarebbe la scelta tecnicamente migliore ma dal punto di vista romantico forse sarebbe la piú affascinante.
    Però vorrei farti una domanda: tu, da appassionato piú che giornalista/commentatore, su quale sella preferiresti vedere Stoner e per quale motivo?

  5. 1* HAILWOOD-2*SPENCER-3*REDMAN-4*READ-5*AGOSTINI-6*DOOHAN-
    IL SUPER PRIMO IN ASSOLUTO CASEY STONER….

  6. Io non credo che stoner tornera a correre in pianta stabile in un mondiale, ne sono quasi certo. Vedo piuttosto uno Stoner stile wild card, che si concede qualche gara all`anno, motogp o sbk o quant`altro. Visto i ritmi frenetici a cui era forzatamente abituato (gare, trasferte,eventi,sponsor,test) e che probabilmente sono stati la causa del suo ritiro, non credo gli costi tanto sacrificio concedersi una giornata per l`evento nolan dopo due anni di relax. Massima ammirazione per un pilota che ha avuto le palle di rinunciare alle luci dei riflettori al culmine della sua carriera, semplicemente per starsene per i fatti suoi. Uno scorcio di umanita in questo mondo di alieni ;)!!

  7. il fatto è che era rossi, ad essere il pilota su cui si faceva sviluppo e raccolta dati…………..esattamente come faceva Bridgestone con Stoner………. ma io mi riferivo alla riduzione del budget destinato allo sviluppo nel 2006 (mi pare fosse un 40 percento) e all’abbandono totale dello sviluppo nel 2007……. quindi nel medesimo anno si sono incontrati uno Stoner pilota di riferimento bridgestone e Rossi con delle michelin non più sviluppate…….

  8. il fatto è che era rossi, ad essere il pilota su cui si faceva sviluppo e raccolta dati. A volte solo lui, perché Michelin aveva una grading list ben precisa per i collaudatori, fra cui c’è ad esempio sempre stato Edwards, che però non sempre era ufficiale… Esattamente come, quando si sviluppa una moto, si ascolta un pilota, e la “sua” moto se la beccano anche gli altri. Si può dire che Michelin facesse la gomma per Rossi. Ma questa gomma arrivava anche agli altri. Che poi gli altri ci si trovassero sempre bene non è affatto automatico.

  9. nel 2006 vengono punzonate le gomme, voi ricordate anche cosa fece michelin nel 2006 e 2007 oltre a questo?

  10. un paio di mondiali…….. nulla……..esattamente quelli vinti da Stoner e Lorenzo

  11. CLINT1412 vedi caro contro ueda nakano gibernau e melandri capirossi e biaggi(buoni piloti e niente più tra l’altro), e cioe fino al 2005 , anno fino al quale ci sono stati i gommini, ha quasi sempre vinto 7 mondiali su 9; dal 2006 punzonano le gomme e cambia la musica un paio di mondiali su 9 corsi, contro signori piloti lorenzo stoner e marquez ma anche belle sconfitte….

  12. (Intervista a Colin Edwards) “Rossi in Yamaha ha sempre utilizzato gomme completamente differenti dagli altri tre top rider supportati dal gommista transalpino. Io, Nicky Hayden e Dani Pedrosa potremo concentrarci molto di più sullo sviluppo delle mescole rispetto a quanto fatto in passato.Ho provato a guidare con le sue gomme (da Edwards definite di cemento…) ma i risultati sono sempre stati nettamente inferiori a quelli da me ottenuti con i normali pneumatici.

  13. si ma infatti è vero ognuno aveva le gomme su misura e rossi ha vinto e lottato ad armi pari contri campionissimi del livelo di ueda nakano e gibernau………Biaggi , Pedrosa , Lorenzo,stoner Marquez…..

  14. a dimenticavo dichiarazioni di checa: “Es evidente que las gomas de calificación maquillan los tiempos, disimulan las carencias, exageran las virtudes y componen una parrilla que no es del todo cierta. Pero, como argumentó ayer Checa, “el momento de quejarse era el año pasado, cuando se tomó la decisión
    de reducir el número de neumáticos y, sobre todo, prohibir que Michelin fabricase, el mismo viernes o sábado por la noche, ruedas especiales para Rossi”.

  15. « Non posso credere che Agostini sia un essere umano. »
    agostini 32 anni kenny roberts 21anni!!! nessuno è paragonabile al piu grande di sempre!!!
    …..quindi per Agostini la differenza d’età ha valore mentre per Rossi no

  16. si ma infatti è vero ognuno aveva le gomme su misura e rossi ha vinto e lottato ad armi pari contri campionissimi del livelo di ueda nakano e gibernau….

  17. sempre nel fantastico mondo di MAXEEM honda chiedeva a michelin di fornire ai suoi piloti gomme usate, non convinta della bontà del progetto faxato a yamaha è dovuta ricorrere ai ripari a volte scambiando delle gomme da gp con quelle del ciao piaggio del figlio di nakamoto…
    e vissero tutti felici e contenti….

  18. le gomme erano si fatte il sabato sera ma andavano a tutti i team uff. + qualche nn uff a seconda della disponibilità. non hai inventato le gomme del sabato sera, ma ci hai ricamato su una storia fantasiosa degna del miglior Jules Verne .
    per il post su ago hai solo dimostrato che quando era il piu veloce vinceva, piu difficile è vincere quando prendi 1 sec al giro, e Vale è unico seguito a ruota dallo Schwantz che lo ritiene il migliore di sempre o quasi, li a giocarsela con agostini come ancora sìè la gioca con i vari MM JL DP ecc ecc ma con almeno 6 punti di vantaggio. al limite sarà il n° 2 nei circa 150 anni di storia del motociclismo….
    dai che se vince il 10° ti invito a lourdes che magari ti vien fatto il miracolo e ti accorgi di quanto sei stolto…

  19. 10 marzo 1974 alla 200 miglia di Daytona, una gara prestigiosa e particolarmente combattuta per il grande ritorno d’immagine che la vittoria procurava sul ricco e ambìto mercato statunitense. La partecipazione del campione italiano sollevò reazioni piuttosto sgradevoli da parte della stampa statunitense che, in articoli tesi a dimostrare la netta superiorità del piloti locali, apostrofava Agostini con epiteti derisori come “Ago-Daisy” (Ago la margherita), riferendosi alla sua fama da playboy, o apertamente razzisti come “Ago-Dago”, magnificando invece le funamboliche qualità del campione USA Kenny Roberts, il quale pronosticava:

    « Agostini non conosce il circuito e non conosce la sua moto; me lo mangerò tutto crudo. »
    Agostini, come al suo solito, mostrò di ignorare le provocazioni e trascorse la settimana di preparazione e prove passeggiando la mattina lungo il percorso in ciabatte e calzoni corti, con aria da innocuo turista. In realtà esaminava la pista palmo a palmo, studiando le traiettorie e le distanze di staccata degli altri concorrenti in prova. Nei primi pomeriggi, quando il caldo diventava soffocante, indossava la tuta in pelle e correva per un’ora sotto il sole, allo scopo di acclimatarsi. Il resto del tempo lo passava con i meccanici Yamaha a controllare e ricontrollarre ogni collegamento e bullone, mettendo a dura prova con la sua pignoleria la proverbiale precisione giapponese. Anche durante le qualifiche mantenne un basso profilo, classificandosi solo 5° sulla griglia di partenza. Nel giorno della gara, però, il pubblico statunitense ebbe modo di conoscere il vero volto del pilota bergamasco, che nulla aveva a che fare con l’immagine inoffensiva e svagata dei giorni precedenti. Agostini impose da subito un ritmo elevatissimo, al limite della tenuta fisica, che mantenne per i 52 giri della gara, costringendo i concorrenti, non dotati della sua regolarità di guida, ad un maggior consumo di carburante, pneumatici e organi meccanici. Ago si aggiudicò la vittoria con largo distacco sul compagno di marca Roberts, secondo arrivato, che, dopo aver inutilmente tentato di stargli al passo per tutta la gara, dichiarò:

    « Non posso credere che Agostini sia un essere umano. »

    agostini 32 anni kenny roberts 21anni!!! nessuno è paragonabile al piu grande di sempre!!!

  20. bè nel fantastico mondo di MAXEEM le case motociclistiche fanno a gara a far moto schifose e a dare l’unica buona a rossi…. si mormora che nel 2004 honda mando via fax i progetti della nuova moto a yamaha per creare la leggenda rossi, l’unico pilota ad aver vinto con una moto palesemente inferiore che nn vinceva da 11 anni….
    e poi che caspita ne saprà : chi è il miglior pilota della storia? Schwantz ha risposto: “La lotta è tra Valentino Rossi e Giacomo Agostini. Rossi ha vinto i titolo in 125, 250, 500 e MotoGP e corre da più di 15 anni

  21. un conto è farsi aiutare a correre, come fanno con tanti piloti del resto, un altro farsi aiutare a vincere perchè porti tanti soldini al circus…

  22. PICCONE40
    forse nn sai che casey ha corso proprio grazie a don carmelo e i suoi incastri manageriali…. su caccia sti euri e leggiti il libro di casey almeno avrai le idee piu chiare. sai don carmelo ha anche rinfacciato….
    se casey fosse stato un po meno signorina isterica sarebbe risultato piu simpatico a tanti ha persino sfiorato una rissa con abram

  23. Sarebbe fantastico se Casey tornasse a gareggiare, di sicuro non servirebbe l’intervento del presidente della Dorna né tantomeno le offerte degli sponsors per trovargli una squadra, sempre divertente leggere i commenti dei tifosi certamente di Pedrosa o di Lorenzo o di Iannone che non sopportano Casey…chissà perché ? Oooops, mi sa che sono solo e soltanto i tifosetti del raccomandato che non sopportano Casey….e sappiamo il perchè ! hehehe

  24. Temporali fatti un selfie con una gnocca invece che con quel caprone di Stoner.Digli che è megli se continua ad andare a pescare. Ha già stavamo anche aspettando il suo amico villopoto che doveva distruggere Cairoli.

  25. Ciao Max!
    Stoner sta tornando,me lo sento.
    Per un appassionato di motociclismo è la piu bella notizia che si possa desiderare.
    E’ stato il pilota piu veloce che abbia mai visto in azione,un vero uragano.
    Quando Rossi andò in ducati la prima che fece è stato studiare la telemetria di Stoner,quando Dovizioso lo ebbe nel 2011 come compagno di box anch’esso fece uguale,nella speranza di carpirgli qualche segreto,entrambi convenirono che la guida raffinatissima del canguro non era riproducibile,curvava con i freni azionati,per far girare la moto in qualsiasi condizione,anche con una Ducati che definire sottosterzante è poco.
    Rossi dichiarò”è un gran bel trick,ma alla mia età non si puo piu cambiare stile di guida”.
    Dovizioso dichiarò”mannaggia,ora so che non potrò mai diventare come lui”
    Capirossi dichiarò”La guida di Stoner non è riproducibile,lo sa fare solo lui”.
    Con che moto tornerà non lo so,ma gli avversari sanno già che sarà dura,the fastest è tornato.
    W il motociclismo!!

  26. Casey Stoner ieri ha dichiarato di essersi accorto nei test a Sepang che qualcosa non funzionava, ma si è trincerato dietro un ‘no comment’. Su questo punto Marc ha tagliato corto: “dell’evoluzione della moto se ne è occupato il tester giapponese. Stoner quando provò la MotoGP non saliva in moto da un anno ed è chiaro che non poteva sviluppare niente”.
    non sono parole piene di lodi, forse a MM non piace casey ?

  27. Se Casey ha ritrovato gli stimoli di inizio carriera e ne ha voglia potrebbe far vedere i sorci verdi a tutti quanti. Per la Ducati o per la Honda. Credo che se tornasse in Honda Marquez se ne andrebbe e non lo vedo a correre con Lorenzo e Vale in Yamaha.

  28. MANU979
    semplicemente a casey non piace correre e non è un motociclista lui ha fatto il pilota per lavoro e una volta guadagnato a sufficienza per vivere da nababbo con la sua famiglia s’è pensionato.
    lui per divertirsi pesca e va a caccia altri piloti si divertono in moto, per lui andare a un gp era come per me il lunedi mattina…. se casey è a misano lo incontro di sicuro e spero sia piu disponibile di quando correva.

  29. Concorno con Max, HRC non ha voluto infastidire il 93….grande Casey, ci vediamo a Misano…

  30. Da tifoso di Valentino, continuo a pensare che siano una pazzia questi anni di Stoner in cui è stato fermo, più o meno. Se hai paura del rischio per la tua famiglia (ed è giusto), non corri nemmeno in macchina e lui l’ ha fatto , idem adesso alla 8 ore. Quindi? se ami correre e puoi farlo nella massima categoria, oltretutto stra pagato, stra apprezzato, con tutto il meglio, perchè non lo fai??? semplice pazzia? Passerà più alla storia per questo che non per le imprese che avrebbe potuto ancora fare. Stoner: il pittore che non dipinge…..

  31. Max scusami….un’ultima informazione…..con il biglietto comprensivo del circolare paddock avrei qualche speranza in piu’ di incontrarlo giusto??….

  32. Max…..ma puoi confermarmi che per il round di MIsano Casey sara’ presente??
    Sarebbe la mia occasione per farmi autografare il libro a Lui dedicato e magari con un po di fortuna fare una foto visto che hai tempi della motogp non c’e’ mai stato verso…

    Ps.:vedi di ricordarti che sono un Lui….Ahahahahahaha..Grande Max….

  33. per come guidava e con cosa ha vinto credo e sottolineo credo che la factory non sia fondamentale ,penso andrebbe forte con qualunque mezzo, lo vidi guidare anni fa a valencia era ancora in ducati,dall’esterno faceva davvero impressione ricordo aveva un disco freno più grosso della media che usava frequentemente e come derapava!..che pilota!l’hrc avrà cm dici tu sicuramente tutelato mm93 e anche il 26,d’altronde le grosse multinazionali preservano presnte e futuro,a loro il romanticismo importa poco..ma che bello sarebbe stato vederlo x un paio di gare in MotoGP a prescindere dal risultato. inoltre male non avrebbe fatto alla classifica costruttori,ma ormai così è andata..certo che anche tu max fai un brutto lavoro eh?quando puoi facci sapere ulteriori dettagli!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *