LA SUPERBIKE CHIAMA MELANDRI

Marco Melandri è un uomo libero. Niente più legami con Aprilia, il contratto è rescisso, e dal primo di agosto, se Marco lo riterrà, potrà salire su qualsiasi altra moto. Il pilota italiano ha le idee chiare: vuole la Superbike, dove ha vinto tanto, ma senza mai ottenere un titolo mondiale. “Quest’anno è filato tutto storto, ma era prevedibile – dice Melandri – e forse per questo motivo la stagione più sofferta è stata quella del 2014, dove mi aspettavo una migliore sintonia con Aprilia. Il pilota secondo me deve rimanere il riferimento del team, deve essere ascoltato e seguito con fiducia, perché è l’unico seduto sulla moto. Poi parla il cronometro, il vero grande giudice in pista”. Impossibile dargli torto. Se poi il pilota sbaglia, allora dietrofront e la palla passa in mano agli ingegneri, col compito di proporre soluzioni alternative. L’opportunità però va data, soprattutto quando il pilota ha più esperienza dell’ingegnere, e mi riferisco ad Albesiano.

Nonostante la disoccupazione provvisoria, che per un pilota è come dire l’inferno, Melandri è oggi più sereno e sollevato. E guarda avanti, senza troppi mal di pancia. Perché, nonostante tutto, è un ragazzo positivo, coriaceo, lottatore. E anche esperto, con quella maturità scoppiata in questi ultimi anni di sofferenza e sfortune. Marco ha un solo obiettivo: vuole la moto per vincere. In MotoGP si è giocato tutte le cartucce, buone e cattive. In Superbike invece no, ha ancora molto da dire. E l’ambiente lo cerca, lo desidera, perché Melandri ha un valore, di esperienza e velocità. Quali sono le possibilità per lui nel 2016 ? Ducati o Yamaha le più probabili. Sono due moto con caratteristiche tecniche differenti, anche se la Panigale non è poi un progetto così distante dalla Desmosedici che guidò con delusione nel 2008. Fisicamente e tecnicamente lo vedrei però inserito molto bene sulla bicilindrica.

Con Yamaha gli sarebbe piaciuto correre la 8 ore di Suzuka, ma le iscrizioni sono chiuse. Sarebbe stato un modo per conoscere meglio le potenzialità del mezzo. Perché l’intenzione è di provarle entrambe (cosa che normalmente nessun pilota impegnato con un team può fare, ndr), Panigale ed R1, valutare il feeling e quindi scegliere la compagna di viaggio. Un approccio che va oltre all’opportunità professionale di chi mette sul piatto il peso dell’ingaggio, rimarcando piuttosto quanto sia importante per Melandri ritrovare sicurezza e fiducia per tornare vincente. E Aprilia, si domanderà qualcuno? Ancora una volta il futuro in Superbike è incerto, ma comunque la corda fra i due è spezzata e i rapporti interrotti. Peccato, perché sulla carta sarebbe stata la coppia più forte della Superbike insieme Kawasaki e Rea.

IL VIDEO DELL’INTERVISTA

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Email this to someonePrint this page

19 risposte a “LA SUPERBIKE CHIAMA MELANDRI

  1. @ Max Temporali
    Ciao Max,grazie della risposta.In effetti ora mi è tutto molto piu chiaro nella tempistica.
    Al momento dell’accordo Aprilia non garantiva la partecipazione in SBK,ecco perchè ha accettato.
    E invece le Aprilia ci sono e pure supportate da Noale mi sembra,capisco l’amarezza di Melandri,che già è fragile di suo.
    Pensare che se adesso fosse al posto di Torres battaglierebbe la davanti…
    in effetti uno strano modus operandi Max,vediamo che succede a Laguna.

  2. Poi i piloti devono essere tutti convinti, altrimenti smetterebbero tutti di gareggiare a parte i soliti due-tre. Se non ti chiami Nadal o federer smetti di giocare a tennis? Gioca il numero 10-20-50 e cosi’ via…e fra l’altro tutti si punzecchiano e si diconon frasi a volte non azzeccate ….all’epoca lo faceva anche Rossi con Biaggi e Biaggi con Rossi. Pero’ i mondiali li ha vinti Rossi e Biaggi no…ma quest’ultimo doveva stare zitto? Allora parlerebbe solo uno…..E’ Meglio dire mi sta ‘ antipatico come pilota e come uomo punto! le battute a Biaggi non qualificano nulla. Perché nessuno come uomo e’ perfetto, né Melandri, né Rossi, né Biaggi, perché scesi dalla moto sono come tutti noi…non capire questo significa essere un altro pianeta!

  3. Biaggi vincente in sbk e perdente in MotoGP per i soliti motivi! I trucchi ci sono solo quando perde Biaggi. Gli altri quando perdono sono “scarpini” perde Biaggi che succede ? Soliti trucchi. …strana teoria ….

  4. A parte che uno puo’ detestare chi gli pare, quindi e’ ammesso anche detestare Melandri! Detestare pero’perché Melandri ha parlato male di Biaggi? E allora Biaggi che quando si e’ trovato a commentare una vittoria di Marco e si vedeva che non aveva piacere e’ molto meglio! E poi il paragone con Biaggi che c’entra? La prossima volta che uscira’ un volume dedicato ai piloti di un tempo e contemporanei verranno paragonati con Biaggi.! Biaggi come il termometro e/o la scala mercalli…..

  5. Mr SBK ….forte hai ragione dico sempre le stesse cose …come Melandri…lo detesto perché ha sempre parlato male di Biaggi sia in gp che in sbk…tutto qui…ricordo “biaggi in MotoGP sarebbe una minestra riscaldata” “Melandri in MotoGP 2015 Il tester è Biaggi MA LE DECISIONI SIA CHIARO LE PRENDO IO”
    e caspita….manco fosse Rossi..e dai.. Biaggi 6 mondiali li ha vinti e poi è sempre arrivato 2° o terzo tranne nel 2005 con honda ufficiale per i motivi che tutti i veri sportivi conoscono…e la chiudo qui…ciao a tutti

  6. E meno male, stavo in pensiero. Non vedevo da nessuna parte che Melandri non vale lo scarpino di Biaggi e mi ero preoccupato. Pensavo che copia incolla non funzionasse più. Però manca che pensa che correre con due 3 lo facesse diventare un campione…. probabilmente non ci stava nel post
    Detto questo, 2016 con R1 è quasi scontato. Dovrebbe essere in coppia con Guintoli nel team Crescent che mollare Suzuki. In bocca al lupo Mario e speriamo che gli astri si allineano bene questa volta, anche se ci sono dei begli scogli, sia verdi che rossi

  7. anke se nn sono suo tifoso spero ke rientri.secondo me l unica possibilità rimane la nuova r1(bella).bisogna vedere cosa dicono i jap,se preferiscono sykes e un giovane,melandri e un giovane oppure entrambi(giovani :))
    come sappiamo,se melandri ha la fortuna dell allineamento dei pianeti,diventa un pilota forte,con dosoli si conoscono e potrebbe far bene.

  8. Biaggi 2 mondiali e Melandri 0. In moto gp. (premetto che non tifo Rossi): Rossi 7 mondiali Biaggi 0. Quindi Melandri mediocre in sbk e MotoGP. Biaggi valente in sbk , mediocre in MotoGP! Se si applica la matematica la verita’ e’ questa….

  9. Melandri non vale lo scarpino di Biaggi? Frase ripetuta su questo forum 358 volte ! E poi che centra uk paragone con Biaggi?

  10. @nikkor – Ciao ! Mi dispiace se credi che il mio blog possa perdere credibilità dicendo quel che penso, come del resto lo dici tu liberamente offrendo le tue opinioni. Mi dispiace di più quando i giudizi, soprattutto sui piloti, tutti, che rischiano, si rompono e buttano giù bocconi di fango almeno nel 50% della loro carriera, assumono toni presuntuosi e a volte maleducati. Come se nessuno degli incaricati abbia mai ragionato sul perchè assumere un Dovizioso, piuttosto che un Melandri o un Iannone. Guarda che ci sono ragioni precise, gli inserimenti delle persone nei team non avvengono per caso. Al mondo non esistono solo i Valentino Rossi , gli Stoner o i Biaggi. E quindi non è che gli altri siano tutti dei falliti. La tua visione mi sembra molto semplicistica e un filo presuntuosa. Meriterebbero tutti più rispetto.

    @robertovinci – Ciao ! Melandri, a fine 2014, voleva la SBK. Lo prevedeva pure il contratto. Aprilia ha deciso di sospendere i programmi SBK e dirottare quindi Marco sulla MotoGP, seppur la scelta non era condivisa, ma lo chiedeva il contratto. Salvo poi, dopo la firma del pilota sul nuovo contratto, reintegrare nei programmi sportivi anche la SBK… Confusione ? Malafede ? Non si sa, ma di fatto la psicologia fragile di qualsiasi pilota ne soffrirebbe. E così è andata anche a Melandri. Ora l’Aprilia è in MotoGP, con uomini privi di esperienza e con moto e materiali vecchi, ci sono ancora “resti” del 2009. Non hanno le risorse economiche per crescere e, purtroppo, nemmeno per saldare i debiti accumulati fino ad oggi con fornitori e dipendenti del team. Gresini, che fornisce la struttura, non ha ancora un contratto in mano. I piloti devono ancora essere pagati. Questo è quanto mi viene riferito ufficiosamente da chi lavora vicino e con Aprilia. Sono sicuro che la situazione è provvisoria e verrà sistemata, Aprilia è e rimane un’azienda seria. Ma il modus operandi dovrebbe essere un altro.

  11. Nikkor con la frase “Ducati lo ha sfanculato” mi sono cappottato dalle risate,termine dalle mie parti mai sentito,ma che ora paghero’ il copyright per utilizzarlo!!!

  12. Pilota mediocre , senza carattere e per di più presuntuoso….in motopgp disse che un eventuale ritorno di Biaggi sarebbe stata una minestra riscaldata, in SBK Max con Aprilia 2 mondiali e lui zero , lo mandano in gp e subito dice che se anche Biaggi è il tester le decisione le prende solo lui….ma per favore non vali lo scarpino di Biaggi …sei e resterai un mediocre tutta la vita…prova col Curling avrai più fortuna…Ciao Temporali

  13. Ciao Max,anchio dico Yamaha e non Ducati.
    Dopo le dichiarazioni al vetriolo del dopo 2008 la vedo durissima.
    Con Yamaha invece ha del credito,ha fatto bene il primo anno in SBK e loro che rientrano hanno bisogno di esperienza,e il ravennate pur con tutti i suoi problemi l’esperienza ce l’ha.
    E’ l’ultima fermata per Melandri,mi auguro che la sfrutti al meglio,il talento per vincere in SBK non gli manca,per un mondiale gli manca ancora qualcosa a livello di costanza e tenuta mentale,ma per essere protagonista in SBK ha ancora le carte in regola.
    Quello che ancora non ho capito bene Max,e lo chiedo a te se ne sai di più,è come mai si è arrivati a questa situazione con Aprilia.
    Che io sappia Melandri voleva rimanere in SBK per vincere,l’Aprilia sembra che abbia offerto piu soldi per mandarlo in Motogp a sviluppare il prototipo,ma alla fine chi ha deciso?

  14. Melandri in Ducati?!
    Suona peggio di una bestemmia…
    Vi ricordo che ” quel Signore lì ” definì la desmosedici:
    “un pezzo di ferro…peggio di uno scaldabagno!”
    Secondo voi, sarebbe interessante per la stezza azienda Ducati, ingaggiare nuovamente il 33 e non tenere conto del suo trascorso?
    Boh, secondo me, potrebbe provare a dare una mano a Max e fare telecronache.
    Bacinbici a tutti voi!

  15. secondo me sarà R1 perchè Melandri con Yamaha ha sempre fatto bene..nessuno conosce bene cosa sia successo tra Aprilia e Melandri e quindi è difficile fare delle valutazioni,è anche vero che Melandri laddove trovi difficoltà,faccia molta fatica emotivamente a superarle..io dico R1

  16. Melandri, spiace dirlo, ma come pilota ha dei forti limiti. Non di guida, ma di testa. Quando non gira tutto a dovere lui non solo non va al 100%, ma fa fatica a dare il 50% di quel che può. E questo è un limite non piccolo. Lui o domina o fatica a fare i primi dieci e in un mondiale combattutto come quello SBK non è un problema da poco. Ci vorrebbe il Melandri della Yamaha MotoGP prima maniaera, vedremo. Così com’è ora non credo ci sia un team disposto a dargli una moto ufficiale e non posso dargli tutti i torti. Secondo me è più facile che prendano Caricazulu.

  17. Caro Max, Ducati ha declinato l’offerta. E come dargli torto? al di la delle considerazioni sul pilota, Ti sembra corretto che gli si faccia provare Yamaha e Ducati per decidere con chi andare? alla luce dei risultati in carriera poi, direi che è veramente una eccessiva considerazione di se stesso. come dicevo, Ducati lo ha sfanculato, rimandando ad Althea la scelta di fargli provare una moto. Non tutti i piloti arrivano ( o superano) i 40 anni in sella. non tutti sono dei campioni – magari solo piloti buoni. se io fossi Ducati, punterei sui giovani, non su presunte star o promesse mancate ( vedi Dovizioso) . Iannone, che peraltro non mi è cosi simpatico, sta dimostrando che ne ha. quindi, farei fuori Dovizioso per qualche nuovo talento. Test di 2 anni e poi se non hai i numeri, a casa! deve finire l’epoca dei senatori che piazzato il culo su una ufficiale, non si schiodano più , nonostante i risultati non arrivino, guarda Casey Stoner: preso per caso, ha fatto fuori tutti. Max, se scrivi articoli del genere, perdi attendibilità: coriaceo? de coccio volevi dire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *