I CAMPIONI VANNO FORTE ANCHE A 50 ANNI

Kevin Schwantz  of the Legend of Yoshimura Suzuki Shell Advance Team rurns during  the Suzuka 8 hours Endurance Road Race at the Suzuka Circuit in Mie Prefecture on July 27, 2014. Aoki dropped and fell after crashing with Takuya Tsuda of Yoshimura Suzuki Shell Advance Team. The Legend team failed to advace to the finals. America legendary 48-year-old Schwantz , a former FIM 500cc World Grand Prix Champion had returned to the Suzuka 8hours Road Race from last year.    ( The Yomiuri Shimbun )L’importante è non fermarsi e continuare a guidare. Non mi stupirei perciò se Valentino Rossi, a 50 anni, andasse ancora forte. Oggi si può, le moto aiutano, mentre fino agli anni ’90 i motori a due tempi costringevano alla lettiga per la violenza con cui buttavano a terra. Sono pochi i piloti di quell’epoca che camminano dritti. Fra gli esempi di ultraquarantenni ancora veloci non posso non citare per primo Max Biaggi: a 44 anni ha conquistato il podio nello scorso Sepang del mondiale SBK dopo due stagioni e mezzo di assenza. 43 primavere anche per Carlos Checa, oggi collaudatore Ducati: quando scende in pista ricalca i suoi migliori tempi sul giro, anche se ha definitivamente appeso il casco al chiodo dopo il brutto infortunio del 2013. Manca il ritmo, dice lui, oltre all’abitudine alle gare. Penso a Luca Cadalora, 52 anni, che gira in “39 a Misano con la sua Yamaha R1. Per intenderci, i più svelti della gran fetta di amatori sono sopra al 50”. Questa è gente speciale, che quando scende in pista è ancora in grado di fare la differenza. Ve ne racconto una. Era il 2003, mi trovavo in Giappone per il test della nuova Suzuki GSX-R 750. La pista di Ryuyo era pericolosa, senza spazi di fuga e, oltre l’asfalto, c’era una fila di alberi ricoperti da materassi per proteggere in caso di caduta…Si dice che là abbiano perso la vita diversi collaudatori Suzuki, ma la notizia non veniva diffusa. C’era anche Kevin Schwantz, ex pilota dal ’95, presente come testimonial. Abbiamo girato insieme, vedeva che gli davo gas e alé, anche lui a spingere. Era sempre stato il mio idolo, sul cinquantino avevo il 34 come lui. In quell’anno, il 2003, correvo e vincevo il campionato italiano naked, firmavo i record a Varano e a Magione. Insomma, non ero proprio un paracarro e nella mia testa pensavo fosse abbastanza per avere il ritmo di ex piloti come lui. Mi sono trovato per la prima volta a confronto con uno “vero”, over 40, in sella a moto identiche, tutte originali e gommate di serie. Nel misto lo tenevo a tiro, anche se mi impressionava quanto frenasse forte fino a centro curva. Ma la differenza un campione la fa nella parte più tecnica di una pista…

Foto Alessandro La Rocca/LaPresse 21-06-2015,    8° Round WSBK MIsano World Circuit Marco Simoncelli - 2015 Sport-Motociclismo-WSBK     8° Round WSBK MIsano World Circuit Marco Simoncelli - 2015 nella foto:Max Biaggi Photo Alessandro La Rocca/ LaPresse 2015 21 June,    8° Round WSBK MIsano World Circuit Marco Simoncelli - 2015 Sport- WSBK    8° Round WSBK MIsano World Circuit Marco Simoncelli - 2015 in the photo:Max BiaggiC’era un lunghissimo rettilineo, da sesta autostradale, poi un’ampia e rapida variante che impostavi alla cieca, in salita. Ecco, io lì scalavo una marcia, in quinta, con la velocità che mi faceva vibrare casco e cupolino, il cuore che pompava e gli occhi che si rigonfiavano di adrenalina, perché la paura era di finire dieci centimetri fuori dalla linea ideale. E’ lì che sono stato umiliato da Kevin. Il gas lo pelava appena, ma entrava di sesta. Poi, in uscita, si voltava a guardare e mi aspettava. Ero il signor nessuno e ci teneva a precisarlo. Quello Schwantz che nel 2013, a 49 anni, tornò a correre dopo 18 stagioni di riposo, e insieme ad altri due “giovani”, Kagayama e Haga, infilò il terzo gradino del podio alla 8 ore di Suzuka. Freddie Spencer, 54 anni appena compiuti e dal fisico appesantito, è ancora rapidissimo. Partecipa alle competizioni storiche internazionali, usa la sua vecchia Honda 500 tre cilindri. Al via è sempre il primo a scattare e, tempo qualche curva, ha già diversi secondi di vantaggio su tutti. A volte fa a tempo a rialzarsi dopo una scivolata ed è ancora in testa. Marco Lucchinelli, che passa i 60, in pista non è solo veloce, ma si è pure messo ad imitare le acrobazie che ha visto fare a Troy Bayliss, prossimo ai 47 anni: tenere la gomma anteriore bloccata col freno e contemporaneamente accelerare, realizzando quindi un burn out… al contrario. Lo stesso Lucky mi raccontava del suo giro al Tourist Trophy, nel 2008. In sella a due MV, seguiva la coda di Giacomo Agostini che apriva la strada; anche lui, con una certa meraviglia, ricorda come Mino allungasse il passo, con stile, pieghe morbide e linee armoniche, specie nei tratti più impegnativi. Allora Ago aveva 66 anni, la corsa al TT la vinse dieci volte in carriera e ogni metro era stato perfettamente metabolizzato. L’istinto, la voglia, il talento di un pilota a volte oltrepassano la debilitazione di una malattia capace di metterti in ginocchio. Fabrizio Pirovano sta combattendo il suo round più difficile, ma nemmeno le pesanti cure l’hanno rallentato sulla sua pista. Nel 2015 si è regalato una Yamaha R1 e, il “re di Monza”, ha voluto rimettersi alla prova. L’1’ e 48” gli ha fatto meglio delle medicine, perché lo spirito è quello di un campione del mondo, anche se a febbraio saranno 56. Solo a un secondo e mezzo dal giro veloce della STK 1000, anno 2013. L’ammirazione per questi piloti oggi vale doppio.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Email this to someonePrint this page

51 risposte a “I CAMPIONI VANNO FORTE ANCHE A 50 ANNI

  1. MAXEEM
    quasi cosi, ma rossi era il 1° referente per le gomme nn l’unico. ma anche le bridg 2008 erano fatte per stoner e la ducati e rossi s’è lè beccate cosi dovendo cambiare radicalmente assetto alla moto. e mi pare anche che nonostante si trovasse meglio con le 2014 nn è che con le 2015 nn riuscisse ad adattarsi mente nel 2012 il pilota che si adatta a tutto e guida tutte le moto nonostante la miglio moto del lotto nn s’è saputo adattare.

  2. DEVASTONER
    poi nel 2012 con lo stesso pacchetto ha fatto vedere come si puo arrivare dietro a camomillo…. e nel 2013 un rookie ha portato lo stesso pacchetto alla vittoria. casey ha dimostrato quanto sia difficile ripetersi nonostante il miglior pacchetto disponibile almeno il rookie si è riconfermato mi pare l’unico pilota a ripetersi oltre al 46 dal suo debutto in mgp son 16 anni.

  3. Primo, non ho dato termini, mi pare.

    Secondo, l’articolo di Max l’ho riletto un altro paio di volte ma non ho visto niente riguardo a gomme speciali, Stoner o vantaggi a qualcuno….

    Forse leggo l’articolo sbagliato

  4. mr sbk evidentemente non hai letto tuttii post… leggi tutto dall’inizio e vediamo chi è il down che inizia sempre a provocare… leggi… leggi bene…

  5. È fantastico… Temporali scrive un articolo, per altro bello e gradevole, sui piloti che ormai hanno passato gli anta e nei commenti si leggono solo le solite discussioni con in mezzo Rossi, i favoritismi e le pressioni fatte da chi e per chi (vere o presunte anche se una cosa per essere vera deve essere dimostrata inconfutabilmente), e insulti vari e gratuiti con frasi e pensieri ammessi ma censirabili.

    È incredibile. Pur di scrivere qualcosa dove non si sa cosa scrivere c’è chi continua a riscrivere le stesse cose degli stessi argomenti che non c’entrano nulla con quello sceitto poco sopra…..

  6. Parlando di Marquez / Stoner….Certo che non c’è niente di “Irregolare” . Marquez non è andato contro le regole,ha solo dimostrato di “temere” Stoner…come a suo tempo Rossi dimostro’ di “temere” Lorenzo ,con l’ultimatum “o me o lui” ,alla Yamaha.

  7. STATECOLLEGATI te devi essere fuori di melone… comunque riprovo ai tempi del gommista libero le gomme erano su misura per rossi, addirittura confezionate sulle previsioni meteo del giorno della gara, “era lui ad essere il pilota su cui si faceva sviluppo e raccolta dati. Michelin faceva la gomma per Rossi. Ma questa gomma arrivava anche agli altri. Che poi gli altri ci si trovassero sempre bene non è affatto automatico.” dal 2009 col monogomma le gomme sono quelle per tutti e non è automatico che tutti ci si trovinno bene nel 2001 stoner andava alla grande nel 2012 meno…stessa cosa per rossi nel 2015 si trovava meno bene che con le gomme 2014, difatti nelle 4 gare del 15 nelle quali hanno usato le gomme 14 era velocissimo, al contrario di lorenzo al quale piacevano di piu le gomme 2015 di quelle 2014… ce la puoi fare anche te…

  8. Statecollegati Mi è toccato insistere…perché è dura farti ragionare ! 🙂
    Quindi i festeggiamenti a Sepang te li sei sognati….ti rendi conto delle cavolate che scrivi??? questa è grossa…..

  9. Vedi come funziona con te, io lo so che leggi tutto ma intervieni solo quando puoi fare la tua bùtade per sembrare quello che non sei, ma il sistema per farti uscire fuori si trova. Allora dai facci una previsione vera e autentica di quelle che piacciono a te, dacci le previsioni sulla Ducato gp16 e su Dovi, lotterà per il mondiale?

  10. Robi440 è vero hai ragione, ma insisti sempre sullo stesso punto, ci sono anche altri quesiti esposti.

  11. Statecollegati Allora sei fuori di testa…. Stoner vinse il titolo PRIMA di Sepang !

  12. Lo strappo tra la Honda e Stoner è avvenuto col mancato utilizzo dell’australiano ad inizio stagione quando Pedrosa si infortunò al braccio. In molti, compreso lo stesso Casey, si aspettavano una chiamata ed invece a sostituire lo spagnolo ci fu un deludente Aoyama che portò pochissimi punti in classifica. «Mi sentivo pronto per Austin – ha confermato Stoner durante l’intervista – Nakamoto si è detto dispiaciuto per l’accaduto e si è assunto lui la responsabilità di decidere per una soluzione diversa da me. Qualcuno non mi voleva in pista in quelle gare, qualcuno ha fatto ostruzionismo per un mio ritorno e la Honda ha poi trovato motivazioni strane per escludermi. Sapevo di avere la velocità per essere in grado di sostituire in maniera adeguata Pedrosa perchè durante i test a Sepang, nel mese di febbraio, ho girato a un ritmo che è stato poi molto vicino a quello della gara. Non so perchè ma non mi hanno voluto in pista dicendo che non ero pronto».
    Grazie Marquez sei il mio eroe, non c’è una regola che vieta ad un pilota di non volerne un altro nemmeno a tempo determinato, quindi tutto regolare. Giusto Maxeem, giusto Robi440, giusto Vadopianolorono, giusto Murano35, giusto Robyto, e per finire alla grande, giusto Devastoner?

  13. Robi440 capisco che con tutto quello che ti ho detto puoi replicare solo su questo, in effetti dopo l’annullamento della gara di Sepang il mondiale di Stoner era rischio e tu eri uno tra i piu preoccupati, un muso lungooooooo!!!! Ma cammina vai.

  14. Statecollegati Ti senti bene ? sono un po’ in imbarazzo per te.
    La gara in Australia è stata prima di quella di Sepang…..come si fa’ a festeggiare,in PREVISIONE di una gara….che c’ e’ GIA’ stata?????????????????????????????

  15. Max lo conosci il collega in firma a quest’articolo, l’ultimo capoverso è da paura, ma io già lo sapevo.

    Bologna, 6 gennaio 2016 – A ottobre del 2016 gli assassini (al plurale) torneranno sul luogo del delitto. Cioè il motomondiale farà di nuovo tappa in Australia, sullo stesso tracciato che nel 2015 ha innescato la faida internazionalpopolare più intensa, più avvincente, persino più bieca. Come dimenticare poi la collisione generazionale in Malesia, un misto di rancori-invidie-passioni, tra Valentino Rossi e l’erede dichiarato Marquez? L’episodio è stato vivisezionato in mille maniere, narrato da punti di vista diametralmente opposti, rielaborato sulla base di teorie degne di modernissimi Azzeccagarbugli.

    La faccio breve. Nel 2015, complice la disavventura australiana e il contatto in Malesia, Vale ha perso un campionato che sentiva già suo e che probabilmente avrebbe meritato, non foss’altro per la tenacia con la quale si era ribellato all’ipotesi del prepensionamento. E pur perdendo è rimasto il dominatore assoluto, in termini di immagine, di un ambiente, quello delle due ruote, che vede in lui la figura cardine. Solo che ci sono i detrattori: per loro, il signor Rossi è un oscuro Signore dei Sith, un tizio afflitto dalla sindrome del Super Uomo. Mentre gli adoratori non hanno dubbi: l’ex ragazzo di Tavullia è l’ultimo Cavaliere Jedi. La cosa bizzarra, che è scolpita nella mente degli appassionati, è che l’anti Valentino per eccellenza, al secolo ancora e sempre Marquez, il titolo lo ha smarrito strada facendo, dando spesso l’impressione di non trovarsi più perfettamente a suo agio in sella alla Honda. E’ curioso che si sia tanto parlato dello Sconfitto numero uno, certamente questo spagnolo con la faccia da moccioso, lasciando sullo sfondo chi campione del mondo è diventato, cioè Jorge Lorenzo.

    Ora, indubbiamente in storie e storiacce come queste risiede il fascino incancellabile dell’agonismo. Sono le vicende rocambolesche ad alimentare le leggende, spargendo semi velenosi tra le pieghe della cronaca. Va da sé che anagraficamente Valentino è dalla parte sbagliata, come cantava Gigliola Cinquetti non ha più l’età per le esuberanze euforiche dei ventenni. In compenso, il figlio di Graziano è dalla parte giusta della Storia: sapere che nel 2016 ci riproverà è una prova di forza a prescindere da quello che sarà l’esito della battaglia iridata. Perché Rossi nell’intimo non condivide per niente il sottofondo che ha accompagnato il picaresco epilogo del 2015: quel sentimento (‘O ce la fa stavolta o non ce la fa mai più, è troppo vecchio…’) che fatalmente eccitava le ansie dei suoi estimatori e dei suoi tifosi. Tradotto: Valentino esclude di essere al capolinea, non ritiene di essere ‘oggettivamente’ più lento degli spagnoli dispettosi. L’amarezza che gli è piombata addosso alla fine del Gran Premio che ha consacrato Lorenzo non lo ha schiantato. Lui non è rimasto sotto le macerie. Detta come va detta, nel 2016 io non vorrei essere nei panni di Marquez.
    di LEO TURRINI

  16. Ahahahaha Max Temporali senti questa. Sulla Gazzetta c’è un intervista di Nakamoto, hai presente, quello del sensore dentro, hai capito no? Senti cosa dichiara fra l’altro: “A Sepang hanno sbagliato entrambi, si sono rallentati a vicenda e Dani (Pedrosa) e Jorge (Lorenzo) se ne sono andati”. A distanza di poco ha già cambiato versione sui fatti, mail bello è che Valentino sarebbe partito in gara anche lui per rallentare Marquez. Ragazzi non c’è limite al peggio, questo come dicevano gli americani durante la seconda guerra mondiale, è un autentico muso giallo.

  17. Robi440 ecco che esce dal guscio l’altro celenterato. A Sepang festeggiaste il titolo proprio in previsione che la festa sarebbe stata in Australia, te in testa, mi ricordo bene il tuo dire è stata una fatalità, voleva restare attaccato alla moto, non è colpa di nessuno, certo mesi prima avevi giustificato le minacce spagnole al Sic perchè aveva buttato giù Pedrosa, avevi giustificato Lorenzo che chiedeva per lui il ritiro della licenza, cos’altro potevi dire. Sei senza vergogna.
    maxeem 8 gennaio 2016
    STATECOLLEGATI nel 2012 non ci si trovava semplicissimo ma te ovviamente non capisci… rossi quest’anno con le gomme dell’anno scorso era velocissimo e lorenzo no… a chi tocca non si ingrugna…
    ahhhhhh allora da quand’è che le gomme sono uguali per tutti, nel senso che vanno bene per tutti? Rispondi alla domanda adesso che lo hai scritto di tuo pugno. Ai tempi del gommista libero quelle gomme erano a disposizione di tutti e solo Rossi riusciva ad andarci piu forte di altri per ammissione stessa di Gibernau: ” Io con quelle gomme non mi ci trovavo” erano scelte libere che ognuno poteva fare secondo il proprio stile, ma 2011 tutti dovettero correre la finale dei 100 metri piani con le stesse scarpe di Usain Bolt, è normale!!!!

  18. STATECOLLEGATI nel 2012 non ci si trovava semplicissimo ma te ovviamente non capisci… rossi quest’anno con le gomme dell’anno scorso era velocissimo e lorenzo no… a chi tocca non si ingrugna… Qua l’unico ridicolo sei te. ma con una persona alle soglie del ritardo mentale è anche brutto infierire…

  19. Statecollegati Non so’ se è “l’odio” per Stoner o altro…a farti sragionare!!…ma Casey non vinse e quindi festeggio’ il titolo(tantomeno i suoi tifosi) in “quella occasione”……bensi in Australia dove lo festeggio’ sul podio,proprio con il Sic. Oltre a speculare sulle tragedie ,scrivi anche grandi cavolate.

  20. Maxeem dal 2009 le gomme sono uguali per tutti se nel 2011 erano perfette per honda non è di certo colpa di stoner ma un suo merito casomai…e dal 2012 demerito degli altri scommetto, vero? Quanto ci godo a renderti ridicolo. Le tue risposte già le immagino mentre scrivo le mie, anzi questa volta mi sono sbagliato, in parte, non hai difeso quel mafioso di Suppo, evidentemente non discendi del tutto dalla scimmia allora.

  21. statecollegati ” Stoner era perfetto perchè si è sempre prestato agli inganni” detto da uno che tifa il signore della truffa è un elogio … capisco che cerchi di rigirare la frittata ma “il disposto a tutto pur di vincere” del circus è quello che tifi tu… dal 2009 le gomme sono uguali per tutti se nel 2011 erano perfette per honda non è di certo colpa di stoner ma un suo merito casomai…anche rossi quest’anno nelle 4 gare con gomme 2014 era velocissimo…

  22. MotoGP 2011: Bridgestone cambia le regole per le gomme
    Proposta una revisione al sistema di assegnazione pneumatici, 1 anteriore in più
    MotoGP 2011: Bridgestone cambia le regole per le gomme
    La stagione 2011 della Bridgestone si sta rivelando più complessa delle precedenti. Più volte i piloti si sono lamentati della scarsa disponibilità di mescole utilizzabili nel weekend e di conseguenza delle difficoltà di adattamento dei pneumatici alla propria ciclistica.
    Questo uno stralcio di uno dei pochi articoli rimasti on line, non dice niente, ma può far intuire quale fosse il clima e lo scontento fra i piloti, quell’anno. Naturalmente tutti tranne uno, quell’uno fu l’unico ripeto, a lamentarsi l’anno dopo.

  23. manu979 vedi non si tratta di polemiche stupide ma di affermare la verità dei fatti. Nel 2011 fu studiata a tavolino e con dovizia una strategia per far vincere alla Honda un mondiale con le 800cc. Stoner era perfetto perchè si è sempre prestato agli inganni, con Suppo poi la coppia era ben assortita già dai tempi Ducati. Le gomme che dicono favorissero Rossi erano gomme che lui sceglieva e con le quali correva, gli altri non erano obbligati a correrci, anche se avrebbero potuto. Diverso il discorso 2011, tutti dovevano correre con quelle gomme per regolamento e mentre Stoner andava via gli altri lottavano per stare in piedi, e senza andare sul Sic, potremmo chiederlo alla prima falange dell’anulare della mano destra di Lorenzo, tanto per fare un esempio. La bandiera gialla sventolata da Devastoner è una menzogna basta riguardare le immagini, sia Rossi che Edwars investirono il Sic non potendolo evitare. Maxeem poi lo lascio alla sua broda, ricordo bene come esultavano lui e i compagnai di merende la stessa sera sui social per il mondiale di Stoner vinto proprio in quell’occasione, listato a lutto. Ricordo bene le prime pagine dei giornali il giorno dopo, tutti a chiedere perchè, ma BridgeStoner disse che era stata una fatalità e allora tutti zitti. La prova provata fu che a metà stagione di quell’anno BridgeStoner provò a cambiare l’anteriore con una diversa, dopo che tutti si erano lamentati, tranne uno. Quell’uno si lamentò l’anno dopo perchè la federazione chiese un cambio repentino e quelle gomme assassine sparirono, con buona pace della Honda e di Stoner.

  24. @statescollegato; stoner nel 2011 ha fatto vedere che con un pacchetto moto-gomme ”alla rossi”(cioè il migliore materiale a disposizione) non è difficile dominare un campionato….(ma anche 9 se per nove anni hai il pacchetto moto gomme migliori)…rospi nel 2011 ha fatto vedere il suo valore aggiunto come pilota in sella a una moto vincente (ma non la migliore). Poi a Sepang 2011 gallina d’oro coccodè le stava prendendo dal vecchio edwoards su moto clienti e anche vedendo la bandiera gialla, mentre edwoards rallentava, l’evasore fiscale non rallentava intenzionalmente per recuperare(barando come di sua abitudine) il terreno perso…ed ecco qui la targa

  25. MANU979 allora dillo a statecollegati che da anni accusa in maniera manifesta stoner di aver causato la morte del sic…. quando lo ha fatto contro stoner pochi post fa non ti ho sentito inveire… devastoner ha accusato rossi della stessa cosa allora ha suscitato la tua indignazione… rossisti questo siete…

  26. Penso che qualsiasi persona abbia voglia di fare stupide stupide polemiche sulla causa della morte del Sic dovrebbe vergognarsi.

  27. MANU979 finche statecollegati accusa stoner di aver ucciso sic tutti zitti quando si accusa rossi della stessa cosa (tra l’altro è proprio lui ad averlo investito) tutti i rossisti insorgono… ma vergognatevi voi per favore… che tifate uno che sceso dall’aereo dopo sepang rideva…

  28. Il mio commento riguarda più che altro la Targa della Malesia. Finché si tratta di tifo incondizionato ci stanno tutte le stupidate che volete poi basta, perchè così facendo si offende anche solo ma memoria di quei giorni.

  29. manu979 ma lui non la conosce per questo blatera, come blaterano i suoi simili e qui dentro ce ne sono alcuni.
    P.S. facendo scappare dei piloti campioni che invece potevan assicurare il futuro(vedi stoner) e magari Spies!!!
    e così mondiale 2008 pilotato….ma scusa perchè ti lamenti avevano le stesse gomme no!!!
    Attento che Marzo si avvicina e quest’anno potresti avere sgradite sorprese.

  30. Scrivo qui in quanto nella sezione motogp visualizzo sempre ”nessun commento” e da una se4ttimana gli stessi messaggi su altre pagine(ci sarà un problema p mi hanno bannato?). Ora Ezpeleta ho letto che rischia il posto, poichè gli investitori avevano deciso che rospi doveva vincere questo titolo(come nel 2008…)..Ezpeleta lo dovevano mandare via a fine 2007 per permettere a Bridgestone di decidere senza pressione con chi dover correre nel 2008, ma gli investitori che reggono la motogp stavano perdendo soldi a causa della mancata vittoria di gallina d’oro coccodè..e così mondiale 2008 pilotato….stessa cosa per il ritorno di rospo alla yamaha(pilotato da ezpeleta su rochiesta degli investitori che hanno le azioni della motogp)….la Motogp anzichè investire sul dopo rossi, ha spremuto fino all’ultima gocca gallina d’òro coccodè facendo scappare dei piloti campioni che invece potevan assicurare il futuro(vedi stoner )

  31. Devastoner appuntio, si trattava di quei gommini che l’anno dopo si sono sbrigati a togliere e lui è scappato. Che c,è una targa a sepang lo sanno anche i sassi e sanno anche perché.

  32. STATESCOLLEGATO ABBIAMO VISTO ROSPI CHE HA FATTO NEI DUE ANNI IN DUCATI….PER COLPA SUA C’E’ UNA TARGA A SEPANG…(STONER ERA 1 KM AVANTI)

  33. Devastoner ricordo un pilota, il più aiutato a vincere nella storia del motociclismo, che si è ritirato a 27 anni perchè le nuove gomme, uguali per tutti, e quattro chili in più, uguali per tutti, non gli stavano più bene, gli facevano venire il chattering allo stomaco mentre il suo compagno di squadra camomillo con la stessa moto volava. Colui al quale ti riferisci in Ducati ha dato il La al rinnovamento per rendere un catenaccio una moto, domandalo adesso a Dovizioso se è vero. A proposito con le moto 2016 ci sarà anche qualcun’altro a doversi cimentare con le michelin, speriamo non dica ancora che gli danno quelle per farlo cadere.

  34. Ricordo un pilota di 38 anni correre ua gara a Valencia con la Desmosedici e vincere…poi ricordo un pilota di 33 anni (che avrebbe vinto anche con una proton) correre due anni con la desmosedici e zero vittorie

  35. @statecollegati
    A Marzo con gli attuali piloti e moto uguale per tutti si avrà il settimo titolo a fila senza tituli per rospi

  36. Devastoner non c’è bisogno che vai cosi lontano, basta aspettare marzo che inizia il nuovo mondiale. Le Michelin sono tornate e sono uguali per tutti, l’elettronica è la stessa o quasi di fine 2006, le moto sono 1000cc per tutti e ci sono una decina di moto factory. Per i piloti vanno bene quelli che ci sono, MM JL DP AI AD VR ecc ecc.

  37. Faccio una proposta alla Dorna: facciamo una nuova legge!! Si può correre in motogp solo dopo i 40 anni!!! rimettiamo dentro ukawa barros,checa MCwilliams e riprendiamo per 10 anni le moto del 2002. Diamo a Rossi la mitica rc211v michelin saturday night special, a tutti gli altri nsr500 o yamaha a carburatori. Li facciamo correre per i prossimi 10 anni, ogi domenica una vittoria di rossi, milioni di ascolti!!!!! un sognoper milioni di canarini!!! altri 10 titoli perrossi, motogp salva!!!

  38. desmo1199r la prima volta che vidi gareggiare Schwantz era ad un gran premio a Laguna Seca, non ricordo di che campionato si trattasse di preciso ma assieme a lui correva un altro americano, probabilmente una wild card che si chiamava Jim Filice, fece una gran gara dando battagalia ad ogni curva. Poi però non se ne sentì più parlare.

  39. jh1976 nominare Casey in che senso scusa? Qualsiasi cosa gli date la fa volare cosa? Forse intendi quelle moto che guidavano a quei tempi, senza nessuna forma di elettronica? Guarda che lo abbiamo visto Casey sulle due tempi senza controlli elettronici, le faceva volare per terra. Accostare il nome di Casey ad uno come Schwantz sarebbe come imprecare in chiesa. Vai a fartio un giro va.

  40. giaguaro68: datti al taglio e cucito, dai retta a me! lascia perdere lo sport. (pubblicatelo)

  41. Schwantz è ancora il mio mito, e lo sarà per sempre. Avevo anche il suo casco (Arai Giga…) prima ancora che lui vincesse. E pensare che di titoli, in classe regina, ne ha vinto soltanto uno. Sto pensando che andrebbe spiegato a slogheggia “9 titolli….”. Chiedetevi come mai Rossi, Simoncelli, e molti altri vedessero in Schwantz il mito! Era anche il loro idolo…

  42. Grande Temporali, i tuoi aneddoti sono godibili e come sempre in funzione di un argomento attuale… grazie anke ai soliti bastian contrari.. che ci fanno capire quanto è prezioso l’apporto di un vero esperto come max… con voi meglio parlare di campi coltivati..

  43. Bravo Max bell articolo. Poi c è sempre chi ha da dire qualcosa fuori luogo . Saranno più veloci di te e di tanti altri sicuro e avranno ben più di un titolo di campione italiano nel loro palmares!!

  44. Temporali, è normale che ad ogni articolo che scrivi ti ci metti tu dentro? Se devi fare un articolo fallo su piloti non sulle tue performance che poi non le sa nessuno.

  45. .. se non vogliamo considerare Casey che qualsiasi cosa gli diate sotto la fa volare
    ….a differenza di qualcun altro che qui eviteremo di nominare …..

  46. Vanno forte fino a 50 anni dove?ma sopratutto in che campionati? Un conto è syare al vertice in motogp a 37 anni cosa che può fare solo un fenomeno come rossi..un altro è fare I campionati della parrocchia..li possono correre e vincere anche fino a 60 anni..biaggi a 32 in motogp si prendeva una vita..

  47. Bell’articolo Max Temporali, ma se prendiamo come termine di paragone Kevin Schwantz allora non ce n’è per nessuno. Il più grande talento motociclistico della storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *