LA PAUROSA CADUTA DI MILLER FA PENSARE AD HAYDEN…

Ho l’umore sotto alla scarpe e ieri è stato come guardare la gara di Le Mans con dei grandi filtri depuratori: scorrevano le immagini, ma le emozioni venivano fermate. Fermate da uno stato d’animo che non è il solito, perché i pensieri sono per Nicky Hayden. Magari non lo conosci, l’hai visto solo in TV, ma per chi segue il motociclismo è comunque un amico. E mi fa effetto pensare che tre settimane fa ero in sella alla sua moto per il giro di Assen. Quando ieri sono caduti Marquez e Rossi ho ripensato a lui, e mi dicevo: chissà quante volte gli sarà capitato di saltare in aria dalla sua Honda… Ho capito che la moto è meno pericolosa della vita in sé. Su strada basta un attimo, una minima distrazione, tua o di un altro, e puoi pagarla cara, anche si ti chiami Hayden. Un campione del mondo, una persona stupenda: bello, ricco, famoso, con una famiglia perfetta alle spalle, eppure anche lui vulnerabile, accidenti. Vulnerabile come tutti noi, come tutti i ciclisti, i motociclisti e gli altri che popolano le strade. Mi sembra una buona occasione per raccomandare a chi va su due ruote di non esagerare, lo dico un po’ da fratello maggiore; di guidare entro quei limiti che siamo in grado di gestire, da valutare istante per istante. E poi vestiamoci con tutte le protezioni del caso, con materiale di qualità e indossiamolo correttamente. Continua a leggere

A IMOLA IL VALZER DELLE BANDIERE ROSSE

Gli applausi del lunedì sono tutti per l’Autodromo Enzo e Dino Ferrari, che ieri ha lavorato a gran ritmo, perché fra incidenti e olio in pista, le bandiere rosse hanno sventolato più di quelle a scacchi. Imola si è comportata come una macchina perfettamente orchestrata, dalla regia fino ai commissari di pista, sempre pronti a intervenire, presenti in massa ad ogni curva, capaci di muoversi ordinati fra le criticità degli imprevisti, con preparazione e grande consapevolezza. Un week end così ricco di interruzioni non si è mai visto e abbiamo conosciuto il significato di organizzazione perfetta, abbiamo avuto conferma che la sicurezza dei piloti viene prima di qualsiasi altra cosa. Il tracciato in sé qualche punto critico ce l’ha e tutte quelle “esse” possono rendere pericolose le più innocue scivolate, ma questa pista rimane un paradiso dove correre, ci vuole più pelo che al Mugello. Per noi, che le gare le abbiamo commentate, sono state quasi nove ore filate di diretta e di attenzioni riservate soprattutto ai momenti di tensione. La Stock 1000, ancora una volta, ci ha tolto il fiato, prima con la caduta di Andrea Tucci e poi con Luca Marconi. Per fortuna niente di gravissimo, si riprenderanno con un po’ di pazienza e li rivedremo al manubrio. Continua a leggere

LA MICHELIN STA SNATURANDO LE GARE

Monster Yamaha Team’s French rider Johan Zarco competes during the Spanish Red Bull Grand Prix MotoGP at Jerez de la Frontera race track on May 7, 2017. / AFP PHOTO / CRISTINA QUICLER

E’ impressionante come ad ogni gara MotoGP si perdano i riferimenti e possa ribaltarsi la classifica rispetto alla gara precedente. Un campionato equilibrato ? Così ci dicono, coi valori in campo livellati fra moto e piloti. Rispetto alle gare in moto come sono sempre state (e come sono in altri campionati) non c’è più distinzione fra i primi della classe e gli altri; il talento dei migliori piloti pareggia il livello con quelli delle seconde file e non c’è più differenza nemmeno fra moto vecchie e nuove. Un giorno comandi, un altro sei out, per poi magari tornare su alla gara successiva. Ma le gare in moto hanno sempre riconosciuto i loro leader. Ricordate gli anni della Bridgestone ? Lorenzo, Rossi, Marquez e Pedrosa, sempre gli stessi che, a rotazione, si davano battaglia con l’inserimento occasionale di qualche bel nome. Idem gli anni precedenti, quando non esisteva il monogmma e la MotoGP si chiamava 500: Doohan, Rainey, Schwantz, sempre loro, come anche in Superbike, nella storia come adesso: Rea la domina, con Davies e Melandri subito lì. Quanto vale dunque il podio di domenica di Lorenzo ? E quanto la prestazione di Zarco ? La MotoGP con l’era Michelin è cambiata parecchio. Nell’ambiente dei gommisti c’è chi dice che i francesi non abbiano mai saputo fare pneumatici tutti uguali e può capitare anche di essere penalizzati: chiedere a Tardozzi per conferma, mi suggeriscono, quando correva con la Bimota. Continua a leggere

LA SUPERSPORT 300 E’ PERICOLOSA, CI VUOLE PIU’ DISCIPLINA

Il brutto incidente nella Stock 1000 ha fatto riflettere. Quelle immagini del pilota a terra, immobile e privo di coscienza, hanno ucciso l’euforia di chi stava guardando la corsa per il piacere dello spettacolo. Marvin Fritz, 24 anni compiuti il 10 aprile, è in prognosi riservata. E’ un pilota esperto, campione in carica della Superbike tedesca e numero uno della 600 nel 2014 sempre in Germania. La scivolata poteva non avere alcuna conseguenza, ma le varianti hanno sempre la doppia faccia: da una parte rallentano la velocità della corsa, dall’altra, se cadi nel momento sbagliato, finisci fra i cordoli per poi rientrare in pista mentre sopraggiungono le altre moto; bisogna solo pregare di non essere investiti. Quando l’agonismo è alto e ci sono tanti piloti, il rischio di cadere e farsi male cresce. Ora: il povero Fritz non ha colpe, come non ce l’ha chi probabilmente l’ha investito, lo definiremmo quindi una sfortunato incidente di gara, ma la domanda è: si può fare qualcosa per ridurre i pericoli soprattutto fra le classi dedicate ai più giovani ? Secondo Tati Mercado, campione in carica della Stock 1000, “Sono troppi i piloti in pista e fra il primo e l’ultimo ci sono anche 5-6 secondi di differenza nel tempo sul giro. Vuol dire che ci sono punti della pista in cui trovi degli ostacoli. L’anno scorso a Imola sono scivolato per evitare il contatto con un pilota più lento, ma purtroppo ho coinvolto anche lui nella caduta”. Forse in griglia di partenza basterebbero 20-25 piloti, anziché 36-38, con una differenza di prestazioni minori fra il primo e l’ultimo. Un po’ come la Superbike. Continua a leggere