LA SUPERSPORT 300 E’ PERICOLOSA, CI VUOLE PIU’ DISCIPLINA

Il brutto incidente nella Stock 1000 ha fatto riflettere. Quelle immagini del pilota a terra, immobile e privo di coscienza, hanno ucciso l’euforia di chi stava guardando la corsa per il piacere dello spettacolo. Marvin Fritz, 24 anni compiuti il 10 aprile, è in prognosi riservata. E’ un pilota esperto, campione in carica della Superbike tedesca e numero uno della 600 nel 2014 sempre in Germania. La scivolata poteva non avere alcuna conseguenza, ma le varianti hanno sempre la doppia faccia: da una parte rallentano la velocità della corsa, dall’altra, se cadi nel momento sbagliato, finisci fra i cordoli per poi rientrare in pista mentre sopraggiungono le altre moto; bisogna solo pregare di non essere investiti. Quando l’agonismo è alto e ci sono tanti piloti, il rischio di cadere e farsi male cresce. Ora: il povero Fritz non ha colpe, come non ce l’ha chi probabilmente l’ha investito, lo definiremmo quindi una sfortunato incidente di gara, ma la domanda è: si può fare qualcosa per ridurre i pericoli soprattutto fra le classi dedicate ai più giovani ? Secondo Tati Mercado, campione in carica della Stock 1000, “Sono troppi i piloti in pista e fra il primo e l’ultimo ci sono anche 5-6 secondi di differenza nel tempo sul giro. Vuol dire che ci sono punti della pista in cui trovi degli ostacoli. L’anno scorso a Imola sono scivolato per evitare il contatto con un pilota più lento, ma purtroppo ho coinvolto anche lui nella caduta”. Forse in griglia di partenza basterebbero 20-25 piloti, anziché 36-38, con una differenza di prestazioni minori fra il primo e l’ultimo. Un po’ come la Superbike. Continua a leggere

ASSEN, FRA LUCI (SPENTE) E OMBRE

26.06.2016, TT Circuit, Assen, GER, MotoGP, Motul TT Assen, im Bild Regen 9 Danilo Petrucci / IT / Octo Pramac Yakhnich, 46 Valentino Rossi / I / Movistar Yamaha MotoGP, 45 Scott Redding / GB / Octo Pramac Yakhnich. // during the MotoGP Motul TT Assen at the TT Circuit in Assen, Germany on 2016/06/26. EXPA Pictures © 2016, PhotoCredit: EXPA/ Eibner-Pressefoto/ Stiefel *****ATTENTION - OUT of GER*****La MotoGP di Assen merita chiarezza tecnica per non lasciare ombre e punti interrogativi. Il regolamento è chiaro: la gara non va interrotta per ragioni climatiche. Lo dice l’articolo 1.20.2 del regolamento FIM. A meno che, come conferma anche Raffaele de Fabritiis, direttore internazionale di gara di Superbike e MotoGP che ho interpellato per l’occasione, non vi siano motivi legati alla sicurezza. Ad Assen si è agito quindi per il bene dei piloti e, ad esser pignoli, aggiungo io, forse la bandiera rossa è stata esposta con un filo di ritardo. Con due terzi di gara ricoperti non vi sarebbe stata la necessità della ripartenza. Invece, così, il regolamento dice che deve essere effettuata una seconda gara, che annulla la prima, sulla distanza minima di 5 giri. In caso di gara bagnata la regola prevede l’accensione della luce rossa di segnalazione posta al centro del codone della moto. In molti di voi si saranno accorti che il dispositivo di sicurezza della Yamaha di Valentino Rossi era rimasto spento durante il primo via. Il motivo ? “Si è trattato di errore umano. Il meccanico che avrebbe dovuto attivare il comando che aziona la lucina, non ha eseguito la manovra. La mappatura da bagnato, correttamente configurata, non ha la capacità di attivare automaticamente il dispositivo visivo di sicurezza”. Questo è quanto riferito ufficialmente dal box Yamaha. Forse il secondo errore è stato quello di non comunicarlo a Rossi tramite le segnalazioni dai box, dato che il pilota può gestire l’attivazione e lo spegnimento della luce anche durante le corsa. Continua a leggere