I CAMPIONI VANNO FORTE ANCHE A 50 ANNI

Kevin Schwantz  of the Legend of Yoshimura Suzuki Shell Advance Team rurns during  the Suzuka 8 hours Endurance Road Race at the Suzuka Circuit in Mie Prefecture on July 27, 2014. Aoki dropped and fell after crashing with Takuya Tsuda of Yoshimura Suzuki Shell Advance Team. The Legend team failed to advace to the finals. America legendary 48-year-old Schwantz , a former FIM 500cc World Grand Prix Champion had returned to the Suzuka 8hours Road Race from last year.    ( The Yomiuri Shimbun )L’importante è non fermarsi e continuare a guidare. Non mi stupirei perciò se Valentino Rossi, a 50 anni, andasse ancora forte. Oggi si può, le moto aiutano, mentre fino agli anni ’90 i motori a due tempi costringevano alla lettiga per la violenza con cui buttavano a terra. Sono pochi i piloti di quell’epoca che camminano dritti. Fra gli esempi di ultraquarantenni ancora veloci non posso non citare per primo Max Biaggi: a 44 anni ha conquistato il podio nello scorso Sepang del mondiale SBK dopo due stagioni e mezzo di assenza. 43 primavere anche per Carlos Checa, oggi collaudatore Ducati: quando scende in pista ricalca i suoi migliori tempi sul giro, anche se ha definitivamente appeso il casco al chiodo dopo il brutto infortunio del 2013. Manca il ritmo, dice lui, oltre all’abitudine alle gare. Penso a Luca Cadalora, 52 anni, che gira in “39 a Misano con la sua Yamaha R1. Per intenderci, i più svelti della gran fetta di amatori sono sopra al 50”. Questa è gente speciale, che quando scende in pista è ancora in grado di fare la differenza. Ve ne racconto una. Era il 2003, mi trovavo in Giappone per il test della nuova Suzuki GSX-R 750. La pista di Ryuyo era pericolosa, senza spazi di fuga e, oltre l’asfalto, c’era una fila di alberi ricoperti da materassi per proteggere in caso di caduta…Si dice che là abbiano perso la vita diversi collaudatori Suzuki, ma la notizia non veniva diffusa. C’era anche Kevin Schwantz, ex pilota dal ’95, presente come testimonial. Abbiamo girato insieme, vedeva che gli davo gas e alé, anche lui a spingere. Era sempre stato il mio idolo, sul cinquantino avevo il 34 come lui. In quell’anno, il 2003, correvo e vincevo il campionato italiano naked, firmavo i record a Varano e a Magione. Insomma, non ero proprio un paracarro e nella mia testa pensavo fosse abbastanza per avere il ritmo di ex piloti come lui. Mi sono trovato per la prima volta a confronto con uno “vero”, over 40, in sella a moto identiche, tutte originali e gommate di serie. Nel misto lo tenevo a tiro, anche se mi impressionava quanto frenasse forte fino a centro curva. Ma la differenza un campione la fa nella parte più tecnica di una pista… -8->

PILOTI 2016: IL CASCO C’E’, MA LA MOTO ?

CatturaedSono sempre meno i piloti che trascorrono serenamente il periodo natalizio, quelli che si godono la stagione appena conclusa e pregustano quella che verrà. Per la maggior parte questo è un periodo di angoscia, stress, incertezze. L’ho percepito anche nel corso della classica festa di Natale organizzata dalla Nolan, dove ho incontrato una concentrazione di piloti con il futuro in forse. Fra pochi giorni saremo nel 2016 e ancora tanti di loro non sanno se correranno e, soprattutto, dove, in quale campionato. Perché avere talento e vincere, oggi non basta più.
Marco Melandri su tutti: l’MV l’ha provata, sì, ma al momento è a piedi. No money, no gare. E’ uno che va forte e, nel bene o nel male, si guadagna sempre lo spazio in copertina. Anche Dorna dovrebbe considerarlo una risorsa per l’Italia.
Ayrton Badovini, idem. Non ha nemmeno voglia di raccontare, va di fretta, forse rassegnato a quel declino sportivo che non dipende da lui. Il paradosso si chiama Lorenzo Savadori, fresco vincitore del mondiale Stock 1000. Lui è pilota Aprilia, il contratto prevede un altro anno, passando però in quella Superbike che a Noale hanno deciso di abbandonare. Di fatto non sa ancora dove correrà. C’è poi il volenteroso Matteo Baiocco che ha concluso una stagione, secondo molti, sopra alle aspettative. A piedi anche lui, ma spera di poter rimanere in SBK con un nuovo team. Niccolò Canepa è ben “allenato” alle sistemazioni dell’ultimo minuto, ma sa che il professionismo è nemico dell’improvvisazione. Chi avrebbe motivo di essere felice e pimpante è Danilo Petrucci, che però, con un umore flesso in giù, ad un intervista dice “meglio di no”. E’ fresca la rottura con la fidanzata, ma è solida la sua carriera nelle mani di un manager, cioè di quell’Alberto Vergani che ha cresciuto anche Melandri e Checa, e che per la prima volta lo porterà ad essere un pilota stipendiato, alla faccia di tutto il correre gratis che ha fatto nella vita. Continua a leggere