FREDDO E GELO: IN MOTO C’E’ CHI LI SFIDA

1996-john-kocinski-ducati-ama-sbk-1Nel mese di dicembre i piloti vanno in letargo. Il freddo arrivato in questi giorni fa passare la voglia di guidare. Ma se ci penso, sono proprio queste le condizioni che, se affrontate, valorizzano la prestazione di ogni motociclista “coraggioso”. Penso ad esempio al record che fece John Kocinski nell’inverno tra il ’95 e il ‘96, provando a Misano la sua Ducati 916: c’erano appena un paio di gradi nell’aria, tanto da rendere l’impresa sensazionale. Una volta, quando non c’era il limite dei giorni di test, erano tante le squadre che lavoravano nei mesi più freddi sulle piste italiane, senza andare in Spagna. I mesi invernali sono anche il nostro avversario, guidando per strada ogni giorno: c’è chi ferma l’assicurazione, lasciando la moto in garage fino alla primavera successiva, ma anche chi, vivendo accanto alle grandi città, continua a muoversi su due ruote, anche con le strade gelate, sporche, il freddo che punge e la nebbia che impregna di umidità la giacca, oltre ad appannare la visiera del casco. Ogni motociclista avrà vissuto, almeno una volta in carriera, il suo momento d’orgoglio combattendo il gelo, vestendo i panni di quel Kocinski in grado di andare oltre i propri limiti, stupendo forse prima sé stesso degli altri. Sacrificio e fatica che si combattono solo pensando al piacere del dopo. Il massimo riconoscimento va agli eroi dell’Elefantentreffen: li guardo con ammirazione e un briciolo di invidia per non averci provato negli anni di maggiore determinazione. Continua a leggere