LA SUPERSPORT 300 E’ PERICOLOSA, CI VUOLE PIU’ DISCIPLINA

Il brutto incidente nella Stock 1000 ha fatto riflettere. Quelle immagini del pilota a terra, immobile e privo di coscienza, hanno ucciso l’euforia di chi stava guardando la corsa per il piacere dello spettacolo. Marvin Fritz, 24 anni compiuti il 10 aprile, è in prognosi riservata. E’ un pilota esperto, campione in carica della Superbike tedesca e numero uno della 600 nel 2014 sempre in Germania. La scivolata poteva non avere alcuna conseguenza, ma le varianti hanno sempre la doppia faccia: da una parte rallentano la velocità della corsa, dall’altra, se cadi nel momento sbagliato, finisci fra i cordoli per poi rientrare in pista mentre sopraggiungono le altre moto; bisogna solo pregare di non essere investiti. Quando l’agonismo è alto e ci sono tanti piloti, il rischio di cadere e farsi male cresce. Ora: il povero Fritz non ha colpe, come non ce l’ha chi probabilmente l’ha investito, lo definiremmo quindi una sfortunato incidente di gara, ma la domanda è: si può fare qualcosa per ridurre i pericoli soprattutto fra le classi dedicate ai più giovani ? Secondo Tati Mercado, campione in carica della Stock 1000, “Sono troppi i piloti in pista e fra il primo e l’ultimo ci sono anche 5-6 secondi di differenza nel tempo sul giro. Vuol dire che ci sono punti della pista in cui trovi degli ostacoli. L’anno scorso a Imola sono scivolato per evitare il contatto con un pilota più lento, ma purtroppo ho coinvolto anche lui nella caduta”. Forse in griglia di partenza basterebbero 20-25 piloti, anziché 36-38, con una differenza di prestazioni minori fra il primo e l’ultimo. Un po’ come la Superbike. Continua a leggere