CHE GUSTO LA PATON DEL TT ! MA IL SOGNO E’ UN ALTRO…

Non avevo mai provato una moto del Tourist Trophy prima di oggi, e pensare che nel 2004 avrei dovuto correrci… Acqua passata, mi è sempre rimasto però il desiderio di capire tecnicamente come si guidano quelle moto, perché pista e strada sono due realtà distanti. Ecco un’opportunità di lusso: il test della italianissima Paton. La conoscete? E’ un marchio storico milanese nato quasi sessant’anni fa da Giuseppe Pattoni e Lino Tonti, ma la Paton che conosco io è degli anni ’90. Da ragazzo andavo a Misano a guardare il mondiale 500 e aspettavo che sul rettilineo passasse lei, la “moto verde” a due tempi. Il mio sogno era di provare quella 500, e vi dico perché: con lei, nel mondiale, hanno corso Paul Pellissier e Paolo Tessari, due piloti con cui ho condiviso la formazione nella 125 Sport Production Under 21. La loro affermazione dava speranza a tanti giovani di quegli anni, me compreso, ma siamo rimasti tutti “al palo”. Vent’anni dopo, eccomi qui sulla Paton di Michael Rutter (e di Stefano Bonetti, ndr) con cui ha vinto il TT classe Lightweight. Fa piacere che in pista vi sia anche Roberto Pattoni, è una sorpresa che regala atmosfera e nostalgia alla mia giornata, in cui è presente persino mio padre. Alle 10.40, con la temperatura dell’asfalto ancora bassa, si accendono i motori. Brammm, brammm: viene scaldata a colpi di gas a 120 decibel, perché all’Isola di Man gli scarichi devono cantare. I due tubi dalla bellezza artigianale made in SC-Project suonano come una volta, qualcuno dei giovani presenti si ripara le orecchie e la terra vibra sotto ai piedi. Continua a leggere

PATON, RITORNO AL MONDIALE: NEL 2018 LA MOTO2

E’ l’ultima e storica realtà artigianale del motociclismo italiano, e oggi Paton torna in campo con serie ambizioni: correre in Moto2 e vincere il Tourist Trophy. Ovviamente con le moto rigorosamente verdi, come erano una volta. La Paton venne fondata nel 1958 da Giuseppe Pattoni, detto Pep, e Lino Tonti (da cui deriva appunto il nome Paton, ndr). La passione era per le moto da corsa e la velocità, prima utilizzando motori a 4 tempi, poi a 2 e, adesso, nuovamente a 4, ma sfruttando ciò che già esiste sul mercato: Honda CBR 600 per la Moto2, Kawasaki ER-6 per la bicilindrica che correrà all’isola di Man. Roberto Pattoni (figlio di Giuseppe, ndr) rimane il “capo officina” di una squadra di collaboratori storici: Paolo Biraghi, per la logistica, Andrea Realini, il tecnico sopraffino, e l’esperto telaista Claudio Colombo, che da oltre 30 anni sviluppa e realizza i telai Paton da competizione. Oggi per loro, per questo piccolo gruppo di appassionati, è tornato il momento di fare sul serio come un tempo, perché, dice Pattoni: “Mi sembra di essere tornato ragazzo, con l’entusiasmo di chi sogna…”. Il merito è di SC-Project che ha rilevato l’intera società, un colosso italiano che produce scarichi sia di serie che da corsa, all’interno di un nuovissimo e tecnologico stabilimento nel piccolo paese di Cassinetta di Lugagnano, alle porte di Milano, dove occupa praticamente metà del territorio del comune…Quest’anno i loro impianti caratterizzeranno anche il suono delle Honda ufficiali di Marquez e di Pedrosa. Continua a leggere