MAHIAS: “MAI MOLLARE” !

E’ il suo diktat e a Portimao lo ha insegnato anche a noi con un gesto chiaro, inequivocabile. “Questa impresa rimarrà scritta, indelebile”. Ha ragione Filippo Conti, team manager di Lucas Mahias. E allora lasciamone traccia davvero, perché questo pilota, che ho spesso criticato per la sua ferocia in pista, oggi merita la standing ovation da tutto il motociclismo. Quell’ultimo giro compiuto imprevedibilmente dal francese è stato il più emozionante dell’intero week end. Forare una gomma in pista, è sfortuna. Forare al penultimo giro, quando sei in testa a una gara condotta magistralmente… è segno di un castigo divino. A volte, però, viene concessa una ultimissima chance e a lui è successo. La bandiera rossa esposta pochi secondi dopo lo stop di Mahias ha repentinamente cambiato lo scenario, perché, a quel punto, valeva l’ordine di arrivo del giro precedente. Lucas era in testa, ma, come da regolamento, avrebbe dovuto arrivare ai box entro 5 minuti per convalidare la posizione in classifica. Si è fatto trovare pronto, come tutti i piloti che hanno corso nell’endurance. Sfinito fisicamente, disperato moralmente, ma pronto a riprendersi la responsabilità di vincere. Sono stati 5 minuti infiniti, la pista è più di 4 km e mezzo, tutta su e giù, con cambi di pendenza pazzeschi e un caldo tropicale. E’ così che Mahias ha dovuto guidare, con una gomma posteriore completamente afflosciata e che perdeva pezzi strada facendo, senza mai perdere la speranza di farcela. Continua a leggere

IL MOTOCICLISMO È UNISEX

È una pagina del motociclismo che cambia con la Supersport 300, ma ci è voluta la vittoria di Ana Carrasco per metabolizzare in modo condiviso che una donna possa battere gli uomini. Perché non è una questione di sesso, ma di talento. Scontato? Per nulla. E ve lo dice uno che arriva dagli anni 90′, quando le donne hanno iniziato a guadagnarsi il loro spazio in questo sport in modo consistente e con difficoltà incredibili. Sentirle parlare di assetti e carburazione faceva effetto, e anche quando le incontravi in pista nelle prove libere le distinguevi dalla posizione in sella, avevi quindi una certa attenzione a sorpassarle, come se fossero bambole di porcellana che non dovevi “rompere”…. Le ragazze in grado di lottare coi maschietti non erano molte, e comunque erano per lo più “rinchiuse” in un campionato 125 tutto loro. Passarono gli anni, mi capitò di correre a Hockenheim nell’europeo Supermono e di essere battuto da quella Katjia Poensgen  che arrivava dal mondiale 250, provando la vergogna di uno che aveva ricevuto la più grande umiliazione: era bionda e carina, diventava la barzelletta dei colleghi, del team, degli amici, guai a raccontarlo; era un’altra società, immatura e maschilista: era il motociclismo dei vichinghi. Nel 2017 è un’altra storia, ora esiste il rispetto. Si dica ciò che si vuole dei giovani, ma oggi sono loro ad aver insegnato a noi delle vecchie generazioni che il motociclismo è unisex. Il nostro Alfonso Coppola, arrivato a mezzo decimo dalla Carrasco, è stato il primo ad abbracciarla. Un abbraccio leale e sportivo. Continua a leggere