GLI APPUNTAMENTI (GRATUITI) CON LA SICUREZZA: DAGLI SPIDI TOUR AL PIEGA & SPIEGA DAY

Il bel tempo è arrivato, la stagione è pronta a partire: moto fuori dal box e un po’ di impaccio ai primi chilometri. La lunga pausa invernale ci ha tolto un po’ di sicurezza, dobbiamo riprendere le misure. Le strade non sono ancora in ordine e salendo di quota la situazione peggiora: la neve ha lasciato spazio al brecciolino, c’è qualche buca in più e la temperatura è ancora frizzante. Di motociclisti acerbi ce ne sono tanti e vogliamo aiutarli. Senza costi, che mi pare già una bella cosa. Abbiamo iniziato domenica 8 aprile con la prima tappa degli Spidi Tour, partendo dal Veneto. Piega & Spiega è stato ospite di Valeri Sport, capace di riunire 130 partecipanti diligenti come i più bravi alunni selezionati in accademia. Speriamo sia sempre così, perché stavolta ho incontrato motociclisti davvero attenti: abbigliamento moderno e correttamente indossato, colori visibili e moto “in ordine”, anche quelle più datate. Perché quel che conta, quando si riprende in mano la moto, è che sia pronta anche da un punto di vista tecnico, la manutenzione influisce sulla sicurezza. Nel motore ci vuole il lubrificante buono, la trasmissione va “ingrassata” e le sospensioni curate; puntate sulla qualità, più che sul prezzo, perché alla lunga ci guadagnate. E poi le gomme: verificate la pressione a freddo con un manometro decente, che non sia del distributore di benzina vicino a casa; il più delle volte è fuori scala e malmesso. Continua a leggere

GLI ERRORI PIU’ DIFFUSI DEI MOTOCICLISTI

Rappresentiamo la classe debole delle strade insieme a ciclisti e pedoni, e siamo vittime di un numero di incidenti preoccupante. Cosa possiamo fare per migliorare la nostra sicurezza ? Quest’estate ho conosciuto uno spaccato di utenti delle due ruote di tutta Italia facendomi un’idea concreta dei nostri “difetti”. Ho guidato dalle Dolomiti fino alla Sicilia, seguendo centinaia di amici degli Spidi Tour. Il primo tema riguarda l’abbigliamento tecnico. Il fattore geografico separa le problematiche: nei paesi meridionali più caldi ho notato l’assenza quasi totale di abbigliamento adeguato, indossato per lo più dai maxienduristi (come l’utente BMW GS), il resto è un mototurismo da maglie a mezze maniche, jeans e tennis, caschi vecchiotti e niente guanti. Il mercato offre di tutto e a qualsiasi prezzo, chi non si protegge è superficiale e poco previdente. Molte moto sono datate, con gomme lisce e sospensioni trascurate. Le strade che abbiamo, a volte lucide come specchi e martoriate dalle buche, non sono certo un gran che e se c’è la salsedine del mare diventano pericolosissime. Continua a leggere