LA “VERA” SUPERBIKE DEGLI ANNI ’90

Cosa avevano le derivate di allora per essere rimpiante dagli appassionati di oggi ? Forse più poesia e romanticismo. La Superbike ti entrava dentro e chi non l’ha vissuta, ha perso qualcosa di importante. “Ognuno vede belli gli anni che vive, ma sono convinto che solo la Superbike dell’epoca era autentica e pura: le moto che correvano erano stradali e ogni meccanico poteva realizzarsela in casa; è così che c’è stato il boom dei preparatori”. Oscar Rumi è la persona giusta capace di teletrasportarci indietro nel tempo e i vecchi ricordi sono sempre nitidi nella mente come la sua passione. Con quella squadra nera e viola, e le Honda private, aveva costruito i primi due successi mondiali: “Nell’88 ho speso 250 milioni di lire per correre e vincere. I piloti non erano certo milionari: a Fred Merkel, ad esempio, riconoscevo 5 milioni al mese, per otto mesi all’anno, più la casa dove vivere. Mi aveva colpito perché una volta, a Misano, lo vidi sdraiato per terra a sistemare la moto. Era un pilota selvatico, ma veloce. Una volta sfiorò la scazzottata col suo compagno Mauro Ricci: avevamo una sola moto per due piloti e Fred non voleva che si toccassero le regolazioni fatte alla moto per lui”. I piloti erano diversi rispetto a quelli di oggi…”Avevano altre qualità – continua Rumi – dovevano saper guidare, capire come si comportava la moto, dosare il gas, sentire la derapata col sedere…Il livello era molto alto fra i primi, ma perché a correre erano in tanti e nel mucchio veniva fuori quello bravo. Penso a Mario Ciamberlini (ex meccanico) quando scoprì Franco Unicini: vide semplicemente un ragazzo veloce e spericolato girare per strada. Da lì, presero una moto e iniziarono a correre in pista, i costi di accesso lo consentivano”. Ma c’era spazio anche per prendere le gare un po’ più alla leggera, guardate la foto dei due “mezzi nudi”: uno è Merkel, l’altro è il suo meccanico Norris (coi baffi) con la tuta di Fred utilizzata per la 8 ore di Suzuka. Oggi la così detta “professionalità” non lo consentirebbe più, sarebbe un’immagine da censura. Continua a leggere

I PILOTI ITALIANI SONO I MIGLIORI, MA VANNO “CRESCIUTI”

1Il 2017 parte col miglior auspicio per l’Italia del motociclismo: 60 piloti al via nelle sette classi importanti, MotoGP e SBK, Moto 2 e Supersport, Superstock 1000, Moto3 e Supersport 300 (che non ha validità mondiale). La scuola spagnola e quella inglese sono meno efficaci di un tempo e nei prossimi 2-3 anni potremmo avere i più grandi piloti “azzurri” dell’era post Rossi e Biaggi. Buttate un occhio alle classifiche della scorsa stagione: la Spagna comanda solo nella massima categoria, segno che il lavoro di formazione svolto fino a 4-5 anni fa ha funzionato. Vedi Marquez e Vinales, gli ultimi arrivati: sono stati cresciuti con l’intento di portarli dove sono. Il loro talento è emerso perché erano (e rimangono) dei “prescelti”: ai migliori vanno le moto e le squadre migliori, è così da sempre. L’Inghilterra offre una scuola di alto livello, ma comandano i senatori, mentre le giovani promesse si contano sulle dita di una mano. Ciò che forse è mancata all’Italia è stata la capacità di spianare la strada ai suoi migliori talenti per accompagnarli al top. La Federazione Motociclistica Italiana, ad esempio, ha un gran merito in Supersport, supportando il Team Puccetti che, a crescere campioni, è più bravo di altri. Ha fallito invece in Moto3 in termini di risultati e oggi la FMI abbandona la scena. Il percorso di crescita per un ragazzo è lungo, occorrono metodo e risorse. Oggi al centro della formazione giovanile c’è sicuramente la VR46 Academy, dove emergono Morbidelli e Bulega fra Moto2 e Moto3, ma il nostro paese è forte perché ci sono tante altre realtà che investono sul futuro dei ragazzi. Penso al numero spropositato di “pilotini” saliti sul palco durante la festa natalizia organizzata in Nolan; per molti avere un paio di caschi gratis o una tabella premi è il primo passo verso il professionismo. Penso al lavoro profondo di Genesio Bevilacqua che allarga i confini al campionato italiano fino alla SBK col Team Althea, passando dalla Stock per tirare fuori il meglio di casa nostra. Ducati Aruba si fa largo col team junior, destinato a far maturare i suoi ragazzi nella Stock 1000 per poi portarli, si spera, in Superbike. E quante altre realtà ci sarebbero ancora da menzionare. Continua a leggere

E’ SCESO IL LIVELLO TECNICO DEI TEAM

Cattura1Ci sentiamo due, tre volte l’anno e ogni volta consumiamo la batteria del telefono. Paolo Cordioli (nell’immagine è quello con “pochi” capelli, mentre l’altra foto l’ha scattata lui al suo pupillo Marquez durante un volo aereo nei cieli di Phillip Island, ndr) ha lavorato per quindici anni come capotecnico ai massimi livelli e, anche in un’intervista ufficiale, si permette la libertà di dire ciò che pensa. Come ad esempio sul livello tecnico dei team.
“Il livello di una squadra lo fa l’ultimo dei meccanici: non puoi avere un ingegnere blasonato e risparmiare sui collaboratori, altrimenti il livello tecnico scenderà. Oggi, nel Motomondiale, sono due su dieci le squadre top, la qualità del lavoro è diminuita negli anni. Ai tempi di 125 e 250 la maggior parte erano team privati che, comprando i kit per le moto, lavoravano per essere competitivi, investivano per essere veloci e vincere. A un certo punto, per paura che le squadre guadagnassero troppo potere, soprattutto rispetto ai team ufficiali, le case motociclistiche, con l’aiuto di Dorna, hanno preso in mano la situazione e tant’è: oggi acquisti le moto finite, dei pacchetti comunque costosissimi dove tu, meccanico, non metti mano. La figura del capotecnico è praticamente sparita, oggi chi conta è il telemetrista.” Continua a leggere

Con la “stradale” si va più forte!

maxChe differenza c’è fra una moto da corsa e una stradale ? Tanta, ma così tanta che per un motociclista “normale”, cioè un non-pilota, non ci sarebbe alcun vantaggio utilizzarla in pista, anzi: il cronometro darebbe risultati invertiti alle aspettative. Per sfatare quella credenza popolare per cui si è convinti di andare più forte con moto e gomme da competizione, piuttosto che con una originale, è stato creato un test specifico. Autore dell’idea è Gianlunca Montiron, proprietario del Team Jir. In pista, a Castelletto di Branduzzo, ha portato tre moto differenti motorizzate CBR 600 RR: una Moto2 con telaio TSR 2014, una Honda versione Supersport e un’altra completamente di serie. Ovviamente anche le gomme, tutte Dunlop, sono state adeguate alla tipologia di moto: KR slick, GP Racer, ovvero la gomma da corsa omologata per la strada, e Sport Smart2, il pneumatico sportivo per le moto di serie. Continua a leggere